Contratti Bancari

Critica alla decisione delle sezioni unite in materia di prescrizione dell’azione d’indebito

Tribunale Lucca, 10 maggio 2013 (leggi la sentenza per esteso)

Si segnala la sentenza del Tribunale di Lucca, 10 maggio 2013, poiché – tramite una decisione alquanto articolata – il Giudice è pervenuto a criticare quanto stabilito dalle Sezioni Unite della Cassazione in materia di decorrenza del termine di prescrizione dell’azione di ripetizione di indebito, in ambito bancario.

Tentando di sintetizzare l’orientamento del Giudice, può osservarsi che, secondo il Tribunale, la Suprema Corte ha errato, laddove non ha considerato che l’esistenza di una apertura di credito non è idonea a escludere l’immediata esigibilità dei crediti maturati dalla banca nel corso del rapporto, per i servizi effettuati in favore dei clienti (spese, commissioni, interessi …). La conseguenza è che i versamenti in conto, successivi all’addebito trimestrale delle competenze maturate, anche qualora il conto sia passivo ma non scoperto, sono idonei a determinare il pagamento dei citati debiti derivanti dai costi di gestione.

Se, dunque, le somme messe a disposizione del cliente possono essere utilizzate nei rapporti con la banca, al fine di estinguere i crediti trimestralmente maturati per la gestione, ne discende che in tal caso l’uso della provvista darà luogo a una forma di pagamento, rilevante ai sensi dell’art. 2033 c.c. Il tutto in contraddizione, sia con l’orientamento giurisprudenziale anteriore al 2010 (che considerava il conto corrente un rapporto unitario), sia con la decisione delle Sezioni Unite (che hanno ritenuto di dover invece distinguere tra conto scoperto  e conto passivo, nonché tra rimesse solutorie e rimesse ripristinatorie).

Da ultimo, si segnala altresì che il Tribunale di Lucca, uniformandosi all’orientamento più recente, ha confermato la legittimità della commissioni di massimo scoperto, in quanto trattasi di corrispettivo di un servizio della banca, consistente nella messa a disposizione di fondi.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Secondo una recente ordinanza del Tribunale di Monza, relativa ad un procedimento d’urgenza seguit...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Sono molte le questioni affrontate dalla sentenza in commento, resa dal Tribunale di Pistoia all’e...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La centralità di un corredo probatorio, volto a dimostrare la fondatezza delle pretese giudizialmen...

Contratti Bancari

X