Credito Al Consumo

Credito al consumo: clausole di inversione del rischio e solve et repete escludono il collegamento funzionale tra contratti, anche in ipotesi di multiproprietà

Con sentenza n. 2472 del 5 settembre 2013, il Tribunale di Vercelli  si è pronunciato relativamente ad un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo promosso nei confronti  di una delle società finanziarie assistite dallo Studio al fine di ottenere la declaratoria di nullità del contratto di finanziamento, sulla base dell’asserito presupposto secondo cui quest’ultimo dovrebbe ritenersi funzionalmente collegato al primo, con conseguente caducazione degli effetti di entrambi i contratti.

In particolare, l’attore opponente chiedeva la revoca del decreto ingiuntivo opposto eccependo il mancato perfezionamento del contratto di acquisto del certificato di associazione della proprietà turnaria (c.d. multiproprietà), e quindi l’annullabilità/nullità del contratto di finanziamento sottoscritto a causa della presupposta sussistenza di un collegamento funzionale.

Sennonché, il Giudice adito, alla luce delle considerazioni svolte dalla difesa della società Finanziaria, ripercorrendo pedissequamente il percorso logico argomentativo seguito dalla Cassazione nel 2004 (Cfr. Cass. 12567/2004), ha ritenuto che “affinché possa configurarsi un collegamento negoziale in senso tecnico non è sufficiente un nesso occasionale tra negozi, ma è necessario che il collegamento dipenda dalla genesi stessa del rapporto, dalla circostanza cioè che uno dei due negozi trovi la propria causa ( e non il semplice motivo) nell’altro, nonché dall’intento specifico e particolare delle parti di coordinare i due negozi, instaurando tra di essi una connessione teleologica, soltanto se la volontà di collegamento si sia obiettivata nel contenuto dei diversi negozi potendosi ritenere che entrambi o uno di essi, secondo la reale intenzione dei contraenti, siano destinati a subire le ripercussioni delle vicende dell’altro”.

Partendo proprio da questo presupposto, il Tribunale di Vercelli ha precisato come, con l’articolo 3 delle condizioni generali di contratto (“Il Cliente rinuncia ad opporre alla […omississ…] qualsiasi eccezione relativa alla destinazione da parte del Convenzionato dell’importo del finanziamento concesso o parte di esso, alla mancata o ritardata consegna del bene, agli eventuali vizi dello stesso o al rifiuto del Cliente all’accettazione o all’utilizzo del bene medesimo”), le parti avessero “espressamente pattuito che [… omississ…] sarebbe rimasta estranea alle vicende del rapporto intercorso tra [… omississ…] e la convenzionata [… omississ…], che la società finanziaria non sarebbe stata responsabile degli eventuali indamempimenti della società convenzionata e che, in ogni caso, i sig.ri [… omississ…] avrebbero dovuto adempiere agli obblighi assunti nei confronti della […omississ…], ovvero avrebbero dovuto corrispondere le rate del finanziamento”.

Ragion per cui, ha concluso il Tribunale di Vercelli, “deve pertanto escludersi la sussistenza di un collegamento negoziale tra il contratto di compravendita ed il contratto di finanziamento”.

La sentenza in commento costituisce un ulteriore tassello per il consolidamento di quell’ordinamento giurisprudenziale (confermato da Corte d’Appello di Roma n. 4794/07,  Corte d’Appello di Bologna n. 1366/09, Corte d’Appello di Milano n. 267/11, Corte d’Appello di Trento n. 20/11, Corte d’Appello di Napoli n. 472/2013) che inquadra in modo sistematico la problematica, escludendo la sussistenza di un collegamento funzionale laddove sia prevista una clausola di inopponibilità delle eccezioni ovvero di inversione del rischio in favore della società Finanziaria.

(Stefano Flagiello – s.flagiello@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Il Tribunale di Catania offre degli spunti interessanti in tema di onere della prova e usura, chiare...

Credito Al Consumo

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

Una volta verificatosi l’inadempimento, l’unico tasso d’interesse di mora rilevante ai fini de...

Credito Al Consumo

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Pescara ha fornito un utile chiarimento sulla corretta qualificazione del TAEG. I...

Credito Al Consumo

X