Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

CQS: la natura up front delle commissioni agente/mediatore

Recentemente, l’A.B.F. è tornato a pronunciarsi sulla natura delle commissioni destinate all’agente o al mediatore nelle operazioni di cessione del quinto dello stipendio/pensione, affermandone la natura up front.

Queste, in particolare, alcune delle decisioni più significative emesse a conclusione dei giudizi promossi per ottenere la ripetizione della quota-parte di tali commissioni a seguito dell’estinzione anticipata del contratto:

“nessun rimborso è dovuto a titolo di commissioni per l’agente/mediatore stante la natura up-front di esse…” ( decisione n. 9110 del 13.10.2016 assunta dal Collegio di Roma);

“In linea con il richiamato orientamento, tenuto conto delle posizioni condivise da tutti i Collegi territoriali, riscontrata, in relazione ai due contratti di finanziamento oggetto della controversia, la natura up-front delle commissioni agente/mediatore” ( decisione n. 9259 del 20/10/2016 assunta dal Collegio di Milano);

“Deve inoltre rilevarsi come, rispetto ad entrambi i contratti considerati, le commissioni di intermediazione applicate nel contratto non possano ritenersi recurring, poiché come si desume dalla loro previsione contrattuale esse sono state riconosciute a favore dell’agente abilitato all’offerta fuori sede per un’attività tutta collocabile nella fase preliminare alla concessione del prestito.” ( decisione n. 9305 del 20.10.2016 assunta dal Collegio di Roma);

“Hanno natura up front le commissioni agente/mediatore.” ( decisione n. 9401 del 21.10.2016 assunta dal Collegio di Milano);

“tenuto conto delle posizioni condivise da tutti i Collegi territoriali, riscontrata la natura up-front della commissione agente/mediatore e delle spese di istruttoria” ( decisione n. 9616 del 26.10.2016 assunta dal Collegio di Milano);

“L’importo non coincide con la somma richiesta dalla parte ricorrente (€ 3.341,72), in quanto quest’ultima ha richiesto il rimborso delle commissioni dell’agente/mediatore, che sono invece da considerare up-front…” ( decisione n. 9666 del 28.10.2016 assunta dal Collegio di Roma);

“Non può tenersi conto delle commissioni all’agente perché di natura up front.” ( decisione n. 9724 del 28.10.2016 assunta dal Collegio di Milano);

Inevitabile, pertanto, giungere alla conclusione che, anche avanti l’A.B.F., stia finalmente mutando la percezione delle problematiche connesse della natura delle commissioni agente/mediatore, aventi chiaramente natura up front, in quanto destinate ad esaurire la loro funzione nello svolgimento di attività preliminari alla stipula del contratto.

Francesco Conciof.concio@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

Il Tribunale di Lecce chiarisce alcuni aspetti in punto di decadenza dal beneficio del termine e amm...

Credito Al Consumo

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Cassino, con una recentissima ordinanza, si è allineato a quella Giurisprudenza ch...

Credito Al Consumo

La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Il Tribunale di Catania offre degli spunti interessanti in tema di onere della prova e usura, chiare...

Credito Al Consumo

X