Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

COVID-19: Sospensione dei procedimenti sanzionatori Consob

Consob, con comunicazione n. 4 del 15 aprile 2020, ha disposto – in conformità a quanto stabilito dall’art. 37 del Decreto Liquidità – la proroga dal 15 aprile 2020 al 15 maggio 2020 del termine di sospensione dei termini che regolano lo svolgimento dei procedimenti amministrativi di competenza della Consob, compresi i procedimenti sanzionatori, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data.

Si rammenta quanto chiarito dall’Autorità di vigilanza sulla portata della sospensione introdotta dall’art. 103, comma 1, del Decreto Cura Italia, con la comunicazione n. 2/20 del 25 marzo 2020.

Procedimenti amministrativi

In base all’art. 103, comma 1, del Decreto Cura Italia, ai fini del computo dei termini che regolano lo svolgimento dei procedimenti amministrativi di competenza della Consob, compresi i procedimenti sanzionatori, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020 (ora prorogata al 15 maggio 2020).

La sospensione opera ex lege e i termini inizieranno a decorrere nuovamente dal 16 aprile 2020 (ora 16 maggio 2020).

La sospensione dei termini opera anche con riguardo ai procedimenti amministrativi – pendenti alla data di entrata in vigore del decreto-legge – caratterizzati da un termine di conclusione “significativo”, ovverosia il cui spirare senza l’adozione di un provvedimento espresso produce per legge l’effetto dell’accoglimento o del rigetto dell’istanza del privato (in base all’art. 103, comma 1, del Decreto Cura Italia “Sono prorogati o differiti, per il tempo corrispondente, i termini di formazione della volontà conclusiva dell’amministrazione nelle forme del silenzio significativo previste dall’ordinamento”).

Anche in questo caso l’effetto previsto dalla norma è automatico e determina che:

  • i termini “significativi” che hanno iniziato a decorrere prima del 23 febbraio 2020 ed in corso alla data di entrata in vigore del decreto-legge si arrestano e riprendono a decorrere il 16 aprile 2020 (ora 16 maggio 2020);
  • i termini “significativi” che iniziano a decorrere nel periodo 23 febbraio – 15 aprile 2020 prendono avvio ab origine il 16 aprile 2020 (ora 16 maggio 2020).

Fermo restando quanto sopra, la Consob, in linea generale, si disporrà̀ a svolgere la propria attività amministrativa secondo i termini ordinariamente stabiliti, nel rispetto delle garanzie procedimentali e fatti salvi i casi in cui la sua attività̀ sia condizionata dall’apporto procedimentale di terzi soggetti, privati o pubblici, che potranno avvalersi della sospensione prevista dalla norma, anche senza darne comunicazione all’Istituto.

Provvedimenti cautelari ed urgenti

Esulano dall’ambito applicativo della sospensione prevista dall’art. 103 del Decreto Cura Italia le misure di natura cautelare ed urgenziale di competenza dell’Istituto, posto che i relativi procedimenti non contemplano, sulla base della disciplina secondaria attuativa della legge n. 241 del 1990 (Reg. Consob n. 18388 del 2012), un termine di conclusione entro il quale l’Autorità̀ provvede all’adozione del provvedimento.

Obblighi di comunicazione alla Consob

La previsione contenuta nell’art. 103 del Decreto Cura Italia non si applica ai termini direttamente previsti da norme di legge, di regolamento o da deliberazioni di carattere generale che stabiliscono obblighi di trasmissione di informazioni o documenti alla Consob. Tali disposizioni, poste a tutela dell’attività̀ di vigilanza dell’Istituto, non danno vita a procedimenti amministrativi; conseguentemente, a tali obblighi dovrà̀ darsi adempimento nei termini ordinari.

Tenuto conto della situazione emergenziale e delle misure di contenimento del contagio da COVID-19 adottate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Commissione si riserva comunque di prorogare, in talune specifiche materie, i termini da essa previsti in regolamenti o in deliberazioni di carattere generale.

Nell’esercizio dei poteri di vigilanza l’Autorità̀ terrà, in ogni caso, in adeguata considerazione l’attuale contesto emergenziale.

Sabrina Galmarini – s.galmarini@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Il Tribunale di Caltanissetta nei giorni scorsi ha rigettato un ricorso ex art 700 c.p.c. promosso d...

Contratti Bancari

La mediazione è obbligatoria anche per il fideiussore?

Il blocco dei licenziamenti ha comportato un progressivo aumento delle risoluzioni consensuali dei r...

Coronavirus

Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Banca d’Italia ha recentemente introdotto disposizioni in materia di segnalazioni a carattere cons...

Coronavirus

X