Credito Al Consumo

Il giudice può sostituire la clausola vessatoria nulla con una norma suppletiva, impedendo così la nullità totale del regolamento contrattuale

Corte di Giustizia UE, 30 aprile 2014, causa C-26/13 (leggi la sentenza per esteso)

Con la recente sentenza del 30 aprile 2014 emessa nella causa C-26/13, la Corte di Giustizia UE è intervenuta in una problematica di credito al consumo, precisando che, nonostante le clausole di un contratto – nel caso di specie mutuo ipotecario espresso in valuta estera – tra professionista e consumatore debbano ritenersi abusive, in quanto non scritte, concordate singolarmente, chiare, trasparenti, o anche soltanto comprensibili, se la nullità della postilla inficia l’intero accordo negoziale, il Giudice può sostituirla d’ufficio con una norma suppletiva, ma non può revisionarne e/o integrarne il testo.

Ragion per cui, laddove il carattere abusivo di una particolare clausola travolga l’intero negozio, il Giudice può senz’altro invocare una norma suppletiva interna per scongiurare il pericolo di una nullità totale.

13 maggio 2014

(Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Il Tribunale di Catania offre degli spunti interessanti in tema di onere della prova e usura, chiare...

Credito Al Consumo

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

Una volta verificatosi l’inadempimento, l’unico tasso d’interesse di mora rilevante ai fini de...

Credito Al Consumo

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Pescara ha fornito un utile chiarimento sulla corretta qualificazione del TAEG. I...

Credito Al Consumo

X