Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

Il contratto di affitto di azienda è incompatibile con il concordato in continuità

Il concordato preventivo con continuità aziendale deve ravvisarsi solo nell’ipotesi in cui esso preveda la prosecuzione dell’attività dell’impresa in capo al debitore e, perciò, l’assunzione del relativo rischio, ciò che non risulta sussistere nel caso di affitto di azienda.

L’art. 186-bis l. fall prevede che il soddisfacimento dei creditori avvenga attraverso i profitti generali dell’azienda ceduta; da qui la necessità dell’indicazione dei costi e dei ricavi attesi dalla prosecuzione dell’attività, delle risorse finanziarie necessarie e delle relative modalità di copertura e dell’attestazione che la prosecuzione è funzionale al miglior soddisfacimento dei creditori.

Per tale ragioni, non rientra nella ratio della norma sopra citata una cessione dell’azienda in cui la soddisfazione dei creditori sia basata sul prezzo di vendita, posto che con essa non si contemplerebbe il permanere del rischio dell’impresa.

Corte di Appello di Firenze, 5 aprile 2017

Giulia Ubertone – g.ubertone@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Il Tribunale di Roma è tornato sul tema della prescrizione dei crediti ammessi a procedure concorsu...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Un’opportunità di chiarezza circa le differenze intercorrenti tra due istituti giuridici: la revo...

Crisi e procedure concorsuali

X