Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Contratti di mutuo e usura: ancora sui tassi di mora

Il Tribunale di Pordenone ha avuto modo di affrontare nuovamente la questione della rilevanza, ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia usura, degli interessi moratori.

Due sono i punti salienti della decisione, resa in una causa nella quale lo Studio ha assistito una banca convenuta in giudizio da un cliente mutuatario.

In primo luogo, il Giudice ha respinto la tesi di parte attrice, secondo la quale andrebbero presi in considerazione anche tutti i costi correlati all’erogazione del credito (ossia spese di istruttoria, costo della polizza assicurativa e commissione di anticipata estinzione) nella verifica in punto usura. Ebbene, in sentenza si legge chiaramente che questa tesi “non convince, giacché la pretesa di determinare il tasso effettivo di mora muove dal presupposto di sommare spese ed oneri agli interessi moratori, effettuando una sorta di analogia con il concetto di TAEG, ma non considera che quest’ultimo parametro ha logica solo se riferito agli interessi corrispettivi ed agli oneri accessori all’erogazione del credito, dovendosi, invece, escludere tale accessorietà degli oneri rispetto all’interesse moratorio, che, infatti, dipendere non dalla erogazione del credito, quanto piuttosto dall’inadempimento del debitore”.

Secondariamente, il Tribunale di Pordenone si è interrogato sulla effettiva rilevanza degli interessi morati ai fini del calcolo del TEG e della valutazione della loro usurarietà.

Il Giudice, pur essendo consapevole del fatto che gran parte della giurisprudenza ritiene effettivamente necessario considerare anche gli interessi moratori, tuttavia evidenzia come i decreti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, con i quali sono periodicamente individuati i tassi effettivi globali medi rilevanti ai fini dell’usura, non tengono in considerazione gli interessi moratori. Inoltre, l’indagine statistica condotta a fini conoscitivi dalla Banca d’Italia e dall’Ufficio Italiano Cambi ha a suo tempo fatto emergere come, con riferimento al complesso delle operazioni facenti capo al campione di intermediari considerato, la maggiorazione stabilita contrattualmente per i casi di ritardato pagamento è mediamente pari a 2,1 punti percentuali. Inoltre, “In data 3 luglio 2013 (…) la Banca d’Italia ha diffuso un comunicato, secondo il quale gli interessi di mora, pur essendo soggetti alla normativa anti – usura, sono esclusi dal calcolo del TEG, in ragione del fatto che trattasi di oneri eventuali la cui debenza ed applicazione cadono solo a seguito di un eventuale inadempimento da parte del cliente e ha conseguentemente chiarito che prenderà in considerazione nei suoi controlli sulle procedure degli intermediati, come base del tasso-soglia per gli interessi moratori, il EGM dei corrispettivi elevato del 2,1%. (…) Sarebbe, d’altro canto, incongruo ritenere che l’usurarietà degli interessi moratori possa essere accertata sulla base di un tasso soglia stabilito senza tener conto dei maggiori costi indotti, per il creditore, dall’inadempimento del debitore (cfr. ABF, collegio di Roma,  decisione n. 260 del 17 gennaio 2014). Appare, pertanto, del tutto incoerente ed illogico prendere in considerazione ai fini dell’accertamento dell’usurarierà dei tassi di interesse soglie determinate con riferimento ai soli corrispettivi e a tutti gli oneri connessi all’erogazione del credito.

Tribunale di Pordenone, 18 maggio 2017, n. 404 

Simona Daminelli s.daminelli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Finalmente lo scorso venerdì è stata pubblicata la tanto attesa decisione delle Sezioni Unite in m...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

Il Tribunale di Nola torna a far chiarezza sul dibattuto tema relativo all’onere probatorio nel gi...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

L’eccezione di nullità della fideiussione per violazione della normativa antitrust non può esser...

Contratti Bancari

X