Contenzioso finanziario

Contratti derivati: non esiste nullità per difetto della causa negoziale

Corte d’Appello di Milano, 25 maggio 2015 (leggi la sentenza)

Con la sentenza n. 2244, depositata in data 25.5.2015, la Corte d’Appello di Milano ha correttamente reinterpretato il tema della nullità contrattuale per “difetto di causa” ex art. 1418 c.c., dando la corretta interpretazione anche in merito alla portata della Comunicazione Consob n. DI/99013791 del 26.2.1999.

La decisione della Corte d’Appello è importante, in quanto riforma un precedente del Tribunale di Monza che si presenta come omologo rispetto ad altro che – in epoca recente – ha avuto un importante battage mediatico (i.e., Tribunale di Monza, 17-7-2012, n. 2028).

Il Tribunale monzese, infatti, aveva ritenuto che due contratti derivati (IRS step up”) erano da ritenersi nulli per difetto di causa, in quanto non vi era rispondenza delle condizioni economiche dei due contratti alla funzione di copertura del rischio negli stessi enunciata, con la conseguenza che ciò ne comporta la nullità per difetto dellaa causa da intendersi quale sintesi degli interessi concretamente perseguiti dalla negoziazione”.

In definitiva il Collegio di prime cure era giunto ad affermare il difetto della causa negoziale assumendo che le scelte economiche operate dalle parti non sarebbero state idonee a manifestare la copertura richiesta dalla società.

Il convincimento del primo Giudice si fondava peraltro sul pressuposto che l’intermediario non aveva dimostrato la rispondenza del proprio operato, rispetto a quanto previsto nella Comunicazione Consob n. DI/99013791 del 26.2.1999.

La pronuncia del Collegio monzese è stata impugntata dalla Banca e riformata dalla Corte d’Appello di Milano, che – esaminata anche la relazione tecnica d’ufficio esperita nel corso del giudizio di primo grado – ha concluso per la piena validità dei contratti derivati.

Il Collegio di secondo grado riesamina il contesto giuridico delle questioni ed afferma che:

  1. perché possa affermarsi la nullità dei contratti di Interest Rate Swap conclusi inter parte per difetto di causa ex art. 1814 c.c. – [omissis] – è necessario che la preclusione “a monte” del raggiungimento dello scopo di copertura risulti ex actis, ossia dal materiale probatorio legittimamente acquisito al processo, essendo i poteri officiosi del giudice limitati al rilievo della nullità e non intesi perciò ad esonerare la parte dall’onere probatorio gravante su di essa”;
  2. perché possa ritenersi sussistente tale ipotesi di nullità non è quindi sufficiente l’assenza di “evidenze interne” di un previo studio dello strumento derivato in rapporto alla concreta situazione finanziaria della società, in spergio alle prescrizioni imparterite in materia dalla Comunicazione D.I. 990013791 del 26.2.1999 della Consob [omissis], ma è necessario il positivo accertamento, secondo valutazioni ex ante, della inesistenza di qualsiasi rischio per [la Banca] a fronte di un rischio certo del [cliente]”.

Con riguardo a tale ultimo aspetto, in particolare, viene affermato che “la possibilità di un risultato negativo rientra infatti nella natura aleatoria del contratto di Interest Rate Swap. Lo stesso C.T.U. ha specificato che “non è detto  … che l’operazione di copertura sia sempre vantaggiosa, ma lo sarà solo a dtereminate condizioni e cioè quando il differenziale tra il fixing del tasso variabile (TV) e il tasso fisso IRS (TF), considerato il costo del dervaito, darà un valore positivo””.

In conclusione, quindi, nell’esaminare i contratti derivati, deve necessariamente prenscindersi dalla valutazione in merito al risultato economico delle operazioni, giacché l’andamento del contratto “non dimostra affatto che i tassi fissi concordati fossero, già nelle previsioni, troppo alti rispetto alla curva dei tassi Euribor, così che la stessa [società cliente, ndr] avrebbe prevedibilmente dovuto pagare interessi costantemente superiori a quelli da pafarsi dal[la banca] in base all’andamento dell’Euribor”.

3 giugno 2015

Paolo Francesco Bruno – p.bruno@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Le responsabilità di Consob in relazione agli illeciti dei soggetti vigilati

Una recente pronuncia del Tribunale di Roma affronta lo spinoso tema della responsabilità della Co...

Contenzioso finanziario

Pronto, risponde lei per il danno?

Una recente pronuncia della Corte d’Appello di Catania riforma la decisione di prime cure resa dal...

Contenzioso finanziario

Dimostra e ti sarà dato

L’aspetto a volte sottovalutato, a torto, nell'ambito del contenzioso riguardante l’illecito del...

Contenzioso finanziario