Marchi e brevetti

Contraffazione dei segni distintivi tra concorrenti

App. Brescia, 20 agosto 2013 (leggi la sentenza per esteso)

Chiamato a riformare una sentenza di primo grado avente ad oggetto la contraffazione dei segni distintivi tra concorrenti, la Corte di Appello di Brescia, con sentenza del 20 agosto 2013, si è pronunciata sull’estensione merceologica e territoriale dell’esclusiva che un’impresa può vantare sulla propria denominazione sociale. In linea con il precedente indirizzo giurisprudenziale, la Corte ha stabilito che: «Per l’oggetto delle imprese ed il luogo in cui esse sono esercitate, non è necessario prendere in considerazione le attività effettivamente svolte dalle società, essendo sufficiente il rapporto fra i rispettivi oggetti sociali, risultanti dagli atti costitutivi sottoposti a pubblicità; l’oggetto sociale costituisce, infatti, non solo la sfera di azione tecnica della società, ma anche l’esteriorizzazione della sua potenzialità espressiva ed espansiva, immediatamente percepibile da tutti i soggetti che entrino in rapporto con essa, in forma negoziale o concorrenziale».

Il collegio, inoltre, con particolare riferimento al territorio su un’impresa opera, ha precisato che: «Il concetto di luogo di esercizio dell’impresa […] in caso di confondibilità fra imprese, non va inteso con esagerato valore restrittivo, dovendosi badare anche agli sviluppi potenziali dell’impresa razionalmente prevedibili […]. Pertanto, la localizzazione non deve essere intesa secondo un criterio restrittivo, riguardo soltanto all’attività esplicata in un determinato momento, nel luogo di produzione e di commercio, ma facendo anche riferimento alla possibilità di espansione all’intera zona territoriale […] raggiunta dall’attività complessiva dell’impresa».

In conclusione, in aderenza ai principi giurisprudenziali consolidati la denominazione dell’impresa deve essere tutelata anche con riferimento alle potenzialità espansive ragionevolmente ipotizzabili alla luce dell’oggetto sociale e dei rapporti commerciali già instaurati.

29 ottobre 2013

(Francesco Rampone – f.rampone@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Mario Valentino vs. Valentino

Torniamo ad occuparci della vertenza Riva, ovvero la questione sorta in ordine al diritto d’uso de...

Marchi e brevetti

Il fornitore non è sempre responsabile del trattamento

È stato pubblicato il 7 aprile 2020 sulla Gazzetta Ufficiale il decreto direttoriale che stabilis...

Coronavirus

Il fornitore non è sempre responsabile del trattamento

Da tempo assistiamo al conflitto tra la celebre piattaforma di e-commerce Amazon e le grandi firme, ...

Marchi e brevetti

X