Contratti Bancari

Contestazione del conto corrente e contitolarità dell’oggetto del contratto

Cass., 6 novembre 2012, Sez. I, n. 19115 (leggi la sentenza per esteso

I giudici di legittimità, conformandosi ad un orientamento costante, hanno ribadito che la cointestazione di un conto corrente bancario fa presumere la contitolarità dell’oggetto del contratto, salvo che risulti diversamente.

In altre parole, opera una presunzione iuris tantum, che può essere superata anche tramite indizi semplici, purché gravi, precisi e concordanti, addotti da chi deduca una situazione giuridica diversa rispetto a quella risultante dalla cointestazione.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

La tematica della presunta nullità delle fideiussioni per contrarietà alla legge n. 287/2020 (“N...

Contratti Bancari

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Vicenza si occupa di un argomento tanto noto nell’ambito del contenzioso bancario,...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

“Tali valutazioni competono quindi alla Banca, nell’ambito della sua libertà negoziale e, sotto...

Contratti Bancari

X