Contratti Bancari

Contestazione del conto corrente e contitolarità dell’oggetto del contratto

Cass., 6 novembre 2012, Sez. I, n. 19115 (leggi la sentenza per esteso

I giudici di legittimità, conformandosi ad un orientamento costante, hanno ribadito che la cointestazione di un conto corrente bancario fa presumere la contitolarità dell’oggetto del contratto, salvo che risulti diversamente.

In altre parole, opera una presunzione iuris tantum, che può essere superata anche tramite indizi semplici, purché gravi, precisi e concordanti, addotti da chi deduca una situazione giuridica diversa rispetto a quella risultante dalla cointestazione.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il ricorrente si era visto negare un finanziamento necessario all’acquisto di un immobile per via ...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La spedizione per posta ordinaria di un assegno, ancorché munito di clausola di intrasferibilità, ...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

“In materia di cessione dei crediti in blocco, eseguita tramite cartolarizzazione, deve escludersi...

Contratti Bancari

X