Diritto Processuale Civile

Consumatore e attività professionale

Cass., 4 novembre 2013, Sez. VI, n. 24731 (leggi la sentenza per esteso)

Come noto, viene definito consumatore il soggetto che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta.

Per verificare se ricorra tale ipotesi, nel caso di contratti conclusi in vista della professione, deve prevalere il criterio teleologico su quello cronologico; in altre parole, secondo la Suprema Corte, “ha rilievo, non la situazione attuale del soggetto che ancora non svolge un’attività professionale, ma la funzione che il contratto gli attribuisce”.

Da ciò discende che non può essere considerata consumatore la persona che, in vista di intraprendere una attività imprenditoriale, si procuri servizi e strumenti necessari per l’esercizio di tale attività, con conseguente esclusione dell’operatività del foro esclusivo.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

12 novembre 2013

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

Il decreto di trasferimento immobiliare ex art. 586 c.p.c., tanto nell'espropriazione individuale c...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

La Corte Costituzionale è stata investita, sul finire del 2020, del tema della celebrazione dell’...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

In caso di mancata partecipazione del procuratore di una parte all’udienza di precisazione delle c...

Diritto Processuale Civile

X