La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

Consulenza tecnica di parte: quando è inammissibile?

È stata dichiarato inammissibile il deposito di consulenza tecnica di parte presentata, contestualmente al deposito della comparsa di costituzione, il giorno precedente a quello fissato per l’udienza di precisazione delle conclusioni, stante il mancato rispetto del termine previsto dall’art. 195 c.p.c.

Il predetto principio di diritto è stato oggetto di una recente pronuncia del Tribunale di Siena.

La vicenda in oggetto, vertente l’ambito dell’intermediazione mobiliare, trae origine dalla richiesta di una società agricola S.r.l. di accertare la nullità contrattuale dei c.d. contratti derivati interest rate swap, conclusi dalla stessa con un istituto bancario. La Società ha addotto quali principali motivi di nullità: la carenza del contratto quadro in forma scritta in violazione del Testo Unico della Finanza; il difetto di causa in assenza di contenuto aleatorio che devono presentare i menzionati contratti swap; l’indeterminatezza dell’oggetto, nonché la mancata determinazione del criterio di calcolo. In subordine, veniva richiesta la risoluzione contrattuale per grave inadempimento della Banca per violazione degli obblighi di condotta stabiliti dal Regolamento Intermediari e dalle Comunicazioni Consob inerenti il dovere di correttezza e di trasparenza dell’intermediario in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi.

La causa in oggetto è stata istruita mediante CTU. Prima della celebrazione dell’udienza, chiamata per la precisazione delle conclusioni, l’istituto bancario si è costituito in giudizio contestando le risultanze esplicate nell’elaborato peritale e provvedendo al deposito di una perizia di parte.

Sul punto, è stata dichiarata la tardività e la non ammissibilità delle prove documentali apportate dalla convenuta, in quanto la consulenza tecnica di parte è stata depositata unitamente alla comparsa di costituzione e risposta il giorno antecedente la data di fissazione dell’udienza di precisazione delle conclusioni.

In ossequio alle disposizioni processualcivilistiche, parte contumace può costituirsi in giudizio in ogni momento, sino all’udienza di precisazione delle conclusioni, con la concessione di poter depositare in giudizio la relativa documentazione, sussistendo però tutte le preclusioni e le decadenze già verificatesi.                                  Nel caso in oggetto, l’istituto bancario si è costituito solo il giorno precedente a quello fissata per l’udienza di p.c.: la comparsa è stata dunque depositata oltre il termine per il deposito dei documenti e ha oltrepassato la barriera temporale preclusiva per le deduzioni di cui alla prima memoria istruttoria.                                                   Per i medesimi motivi, le deduzioni sollevate dalla convenuta e le osservazioni proposte all’elaborato peritale del consulente tecnico d’ufficio possono svolgersi unicamente in sede di contradditorio interno alle operazioni peritali.

Concludendo, alla luce di quanto esposto, il Tribunale di Siena ha dichiarato che le osservazioni critiche alla consulenza tecnica d’ufficio, nonché il deposito di una consulenza tecnica di parte, non possono essere formulate in comparsa di costituzione, poiché in tal modo risulterebbero sottratte al contradditorio e al dibattito processuale, valicando il termine fissato dal codice di procedura civile per la proposizione di osservazioni.

Trib. Siena, 24 agosto 2020, n. 521

Giulia Simontacchi – g.simontacchi@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La Cassazione con un'ordinanza depositata il 2 settembre 2020 ha ribadito, quanto già sostenuto con...

Diritto Processuale Civile

La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

”In caso di avvenuta sospensione dell’esecuzione ex art. 624 c.p.c., atteso l’effetto estintiv...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Il deposito in cancelleria di una copia analogica del ricorso, il quale sia stato predisposto in ori...

Diritto Processuale Civile

X