Vigilanza

Consob: pubblicati gli elenchi di conciliatori ed arbitri presso la Camera di conciliazione ed arbitrato

Gli scandali finanziari che hanno colpito duramente gli investitori negli ultimi anni hanno indotto il legislatore a reagire introducendo diverse disposizioni miranti a tutelare i risparmiatori.

Con delibera n. 16763 del 29 dicembre 2008, la Consob ha adottato il regolamento di attuazione del D.Lgs. n. 179/2007, che ha istituito presso la Consob, ex art. 2 co. 1 del Decreto, la Camera di conciliazione e arbitrato con la finalità di amministrare le procedure conciliative e arbitrali promosse per la risoluzione di controversie insorte tra investitori e intermediari per la violazione da parte di questi degli obblighi di trasparenza e correttezza  nei contrattuali con gli investitori.

 

Sotto il profilo della tutela processuale di risparmiatori ed investitori, il D. Lgs. N. 179/2007 ha istituito procedure di conciliazione e di arbitrato presso la Consob, per la verità non ancora operative (Cfr. Compliance n. 6).

 

La Camera svolge due attività:

  • cura la formazione e la tenuta degli elenchi di conciliatori;
  • amministra le procedure di conciliazione ed arbitrato, senza entrare nel merito delle controversie.

La Consob. con apposite delibere, ha emanato disposizioni di natura transitoria disciplinanti le fasi di avvio dell’operatività della Camera e della formazione degli elenchi dei conciliatori e degli arbitri.

La Camera di conciliazione e arbitrato presso la Consob ha infatti definito, con delibere nn. 6 e 7 del 30 novembre 2010, la pubblicazione gli elenchi dei propri conciliatori e arbitri.

Si è ancora in attesa che sia emanata la delibera relativa alla fase di inizio delle procedure di conciliazione e arbitrato dalla Camera amministrate (Cfr. Compliance n. 9).

Il Codice deontologico dei conciliatori e degli arbitri, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 22 marzo 2010, è stato adottato dalla Camera con delibera n. 2 del 10 febbraio 2010 ed approvato dalla Consob con delibera n. 17205 del 4 marzo 2010.

Degne di nota sono le regole deontologiche comuni alle due figure (indipendenza, imparzialità, correttezza lealtà, professionalità, operosità, riservatezza, efficienza).

 

Si tratta di passi importanti verso l'effettiva operatività delle procedure di conciliazione e arbitrato, del cui inizio Consob darà quindi notizia con successiva comunicazione.

 

(Caterina Alessia Dibitonto – c.dibitonto@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

In tema di scambio automatico di informazioni su conti finanziari, con il decreto del Ministro dell...

Vigilanza

Mario Valentino vs. Valentino

Banca d’Italia ha posto in consultazione pubblica un documento illustrativo delle integrazioni che...

Coronavirus

Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

L’aggiornamento delle Disposizioni di Vigilanza in attuazione delle linee Guida EBA Con il trenta...

Vigilanza

X