Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Concordato preventivo: l’insufficienza costa cara

Il Tribunale di Milano ha confermato la possibilità di risoluzione della procedura di concordato preventivo con cessione dei beni ai creditori, per inadempimento – anche prima dell’effettiva liquidazione di tutti i beni – quando emerga che, in base ad una ragionevole previsione, le somme ricavabili dalla vendita  non saranno in grado di soddisfare in modo integrale i creditori privilegiati ed almeno in minima parte anche quelli chirografari.

Analogamente, l’evidente incapienza della procedura – ricavabile dalla relazione dei Liquidatori – integra il requisito del grave inadempimento della proposta, tale da portare alla risoluzione della procedura stessa ex art. 186 L.F., anche nel caso si tratti di un concordato preventivo liquidatorio.

La sentenza in commento si pone nel solco tracciato dalla Suprema Corte che, con la sentenza a Sezioni Unite del 23 gennaio 2013, n. 1521, aveva definito la proposta liquidatoria come ontologicamente caratterizzata dal vincolo di soddisfazione minima di tutti i creditori; pertanto, nella fase statica del giudizio di ammissibilità, revoca e/o omologazione, la proposta è la “causa concreta” della procedura, mentre poi diviene componente valutativa e dinamica dell’eventuale inadempimento.

In altri termini, ciò che in origine avrebbe determinato l’arresto della procedura concordataria per assenza di causa concreta determina, successivamente, la risoluzione per inadempimento.

Nel caso di specie il Tribunale meneghino, a fronte della domanda di risoluzione del concordato preventivo liquidatorio presentata da un creditore chirografario che aveva ragione di ritenere non rispettata la percentuale di soddisfazione prospettata dalla debitrice (10,93%), verificata l’evidente in capienza della procedura, ha accolto la domanda dichiarando la risoluzione del concordato ed il fallimento della società debitrice.

Tribunale di Milano, 03 Luglio 2018, n. 558

Michela Crestani – m.crestani@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

La Corte di Cassazione si è espressa in tema di applicabilità del disposto di cui all’art. 168, ...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

I giudici di Merito utilizzano il codice della crisi per rimodulare la definizione di “atti in fro...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale soll...

Crisi e procedure concorsuali

X