Corporate

Compiti e responsabilità dei sindaci di srl

Ai membri del collegio sindacale ovvero al sindaco unico di “s.r.l.” compete, come noto, il controllo di gestione ed il controllo contabile (salvo, in tale ultimo caso, non vi sia un revisore esterno).

Più precisamente, ai Sindaci compete  a) un generale controllo di legalità sugli atti posti in essere dagli organi sociali e sull’attività sociale che si sostanzia in una verifica continua della conformità dell’attività degli amministratori al complesso di regole e dei principi che li governano; b) un controllo di legalità sostanziale, avente ad oggetto la correttezza del processo decisionale e la ragionevolezza delle relative scelte, così da evitare che vengano poste in essere operazioni azzardate, illegittime o comunque idonee a compromettere l’integrità del patrimonio sociale; c) un potere-dovere di intervento contro le decisioni degli amministratori; d) potere-dovere di acquisire informazioni e, parallelamente, di informare la società ed i soci circa i fatti censurabili.

Rispetto al controllo di gestione, peraltro, si segnala come la vigilanza debba divenire analitica, con conseguente insufficienza del metodo a campione, qualora si presentino anomalie o particolari indici di rischiosità.

I Sindaci devono poi adempiere ai loro doveri con la professionalità e la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico che si presenta complesso e carico di contenuti tecnici: tali requisiti indispensabili per un corretto adempimento dell’attività dei Sindaci, si presumono sussistenti in capo a ciascun sindaco.

Da considerare altresì che la responsabilità dei Sindaci ex art. 2477 c.c. non è attenuata dal diritto di ispezione e controllo del socio non amministratore: quello che per gli uni è infatti un dovere, per gli altri è una mera facoltà. Il controllo del collegio sindacale – a differenza del controllo del socio – è infatti finalizzato alla tutela dell’interesse sociale nei confronti del mercato e dei terzi tutti (soci compresi).

6 maggio 2015

Maria Giulia Furlanetto – m.furlanetto@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’interesse è concreto. Se non ripeti, che interesse c’è?

Il comportamento dell’amministratore delegato non può andare esente da responsabilità ex art. 23...

Corporate

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31 dicembre 2020 è stato pubblicato il D.L. n. 183 del 31 dicem...

Coronavirus

L’interesse è concreto. Se non ripeti, che interesse c’è?

L’esercizio del diritto di voto espresso in assemblea da parte di un soggetto al quale, pur dispon...

Corporate

X