Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Per cinque anni vedrai… start-up non fallirai!

La Corte d’appello di Bologna ha confermato il privilegio concesso alle start-up innovative dalla Legge n. 26 del 2017, che estende a cinque anni la “safe zone” dalle procedure concorsuali.

II caso è quello di una start-up dichiarata fallita decorso il quarto anno dall’iscrizione nella sezione speciale del registro delle imprese riservato a questa particolare categoria di imprese.

Il Tribunale prefallimentare aveva dichiarato il fallimento di una start-up applicando l’articolo 31 del D.L. 179/2012, ove è prevista l’esclusione dal cono d’ombra delle procedure concorsuali solo entro i quattro anni dalla data di costituzione ed alla condizione di mantenere tutti i requisiti di cui all’articolo 25, comma 2.

Ebbene, secondo la Corte d’Appello Bolognese la start-up in questione non avrebbe potuto essere dichiarata fallita e ciò alla luce dell’intervento della L. n. 26/2017, con la quale il Legislatore ha esteso il periodo di esclusione dalle “tradizionali” procedure concorsuali a cinque anni, per tutte le imprese innovative costituite dopo il 20 dicembre 2012.

Tanto premesso, la Corte ha revocato il fallimento della società poiché costituita successivamente al cut-off precisato dalla Legge, considerando che “fin dal procedimento di prime cure, è stata provata la sussistenza di tutti i requisiti richiesti dalla legge per il riconoscimento della qualifica di start up innovativa”.

Non permane più alcun dubbio sul fatto il Legislatore consideri le start-up innovative il “motore dell’innovazione” e, pertanto, meritevoli di tutela anche quando nei loro bilanci non sia tutto rose e fiori.

Almeno per i primi cinque anni.

Corte d’Appello di Bologna, 24 ottobre 2018, n. 2686

Sacha Loforese – s.loforese@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

La Cassazione torna ad esprimersi sulla questione del termine per insinuare al passivo i crediti sor...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Il Tribunale di Roma è tornato sul tema della prescrizione dei crediti ammessi a procedure concorsu...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

X