Contratti Bancari

Cessione del credito: l’onere della prova ricade sul cessionario

Tribunale di Milano, 2015, n. 3659

Si segnala ai lettori di Iusletter un’interessante sentenza emessa dal Tribunale di Milano, nell’ambito di una causa promossa ai danni di un istituto di credito cliente dello studio.

L’attore, sostenendo di aver acquistato per cessione il credito vantato da una società ex correntista nei confronti della banca, chiedeva all’autorità adita di accertare l’avvenuto illegittimo addebito di interessi e commissioni sul rapporto di conto corrente e, per l’effetto, di condannare la banca alla restituzione in suo favore di tali asseriti indebiti.

Costituendosi in giudizio, in via preliminare lo studio eccepiva il difetto di legittimazione attiva dell’attore, con conseguente improcedibilità della causa, atteso che, da un lato, non sussisteva la prova della dichiarata cessione, e, dall’altro lato, non poteva considerarsi valida la cessione della titolarità di un’azione volta a far accertare un eventuale e presunto credito.

Il Tribunale di Milano accoglieva l’eccezione preliminare della banca.

In particolare il Giudice osservava che parte attrice non era stata in grado di fornire prova dell’esistenza stessa dell’accordo di cessione. “Parte convenuta ha specificamente contestato sia l’efficacia della cessione nei propri confronti, in difetto di accettazione ovvero di notifica, sia ancor prima, la stessa esistenza dell’accordo stesso di cessione del credito.

Conseguentemente era onere di parte attrice provare tale circostanza di fatto e l’onere non è stato assolto” .

Infatti, agli atti di causa erano presenti solo due lettere con cui la banca veniva informata della presunta cessione, ma “tali lettere costituiscono solo la comunicazione di una cessione del credito che si da’ per avvenuta. In altri termini le lettere, firmate solo dall’attore in proprio e dal difensore, non contengono l’accordo di cessione del credito tra cedente e cessionario”.

9 aprile 2015

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Segnaliamo oggi una sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Milano relativa ad una azione di rip...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

In caso di violazione della normativa antitrust, e in particolare, dell’articolo 2 della legge n....

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La quaestio iuris concernente la nullità della fideiussione per violazione della normativa anti-tr...

Contratti Bancari

X