Responsabilità Civile

Causa di risarcimento per danni da sinistro stradale: competenza per territorio

Giudice di Pace Novara, 30 aprile 2012 (leggi la sentenza per esteso)

C.R., infortunatasi in un sinistro stradale, conveniva in giudizio davanti al Giudice di Pace di Novara il proprietario e la Compagnia di assicurazione del veicolo che aveva provocato il sinistro. Il sinistro si era verificato a Castellanza. Novara era la città di residenza di C.R.

I convenuti, costituendosi in giudizio, eccepivano l’incompetenza territoriale del Giudice di Pace di Novara, ritenendo che la competenza spettasse o al Giudice di Pace di Busto Arsizio per essersi verificato l’evento a Castellanza, o al Giudice di Pace di Tolmezzo, essendo i proprietari convenuti residenti a Trasaghis, o il Giudice di Pace di Milano poichè la Compagnia convenuta aveva sede a Milano.

La difesa attorea contestava la fondatezza dell’eccezione di incompetenza. In particolare, l’attrice spiegava la scelta del foro di Novara partendo dalla premessa che l’attore, in caso di fori concorrenti, può scegliere quello ove radicare la causa e citando l’orientamento della Cassazione secondo il quale l’art. 20 c.p.c.: “si applica a tutte le obbligazioni, da qualunque fonte esse provengano, e quindi anche a quelle di origine extracontrattuale; ne consegue che il convenuto in causa di responsabilità aquilina il quale eccepisca l’incompetenza per territorio, ha l’onere di contestare la competenza del giudice adito con riferimento, tra l’altro, ad entrambe i criteri di collegamento previsti dalla citata norma (quello del forum commissi delicti e quello del forum destinatae solutionis), dovendo, in mancanza, ritenersi la competenza radicata presso il giudice adito per inammissibilità della sollevata eccezione, rilevabile d’ufficio anche in sede di legittimità (crf ex multis Cass. Ord. 8590/2002; Cass. 6626/2005).

Il Giudice di Pace di Novara, accogliendo la tesi attorea, con sentenza del 30 aprile 2012, ha rigettato l’eccezione di competenza per territorio così motivando:”L’art. 20 cpc in tema di diritti di obbligazione prevede tra i fori alternativamente competenti il foro del luogo ove il danno si è verificato e quello del luogo ove l’obbligazione deve essere adempiuta. Trattandosi di obbligazione avente ad oggetto una somma di danaro, ai sensi dell’art. 1182 comma 3 cpc l’obbligazione dovrà essere adempiuta al domicilio che il creditore ha al tempo della scadenza, vale a dire a Novara ove l’attrice risiede. Trattandosi dunque di foro alternativo, il Giudice di pace di Novara è competente in quanto forum.”

La decisione del Giudice di pace di Novara è interessante giacchè individua, tra i fori alternativi competenti per le cause di risarcimento per danni da sinistro stradale, non solo quelli di cui agli articoli 18 e 19 c.p.c.  e quello del luogo in cui l’incidente si è verificato, ma anche quello indicato dall’art. 20 c.p.c., ritenuto tradizionalmente applicabile solo alle obbligazioni ex contractu.

(Maria Valeria De Leo – v.deleo@lascalaw.com)

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Giustizia è stata fatta per i residenti di un quartiere molto conosciuto per lo svago e il divertim...

Responsabilità Civile

Vado a stare da papà

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di un supermercato a cui era stato ingiunto il pagame...

Responsabilità Civile

Vado a stare da papà

Con l’ordinanza n. 27703/20, depositata il 3 dicembre, la Corte di Cassazione ha definito i limiti...

Responsabilità Civile

X