Contratti Bancari

Cass., Sez. Un., 2 dicembre 2010, n. 24418

– in Diritto & Giustizia 2010

 

(torna all’articolo)

 

Se, dopo la conclusione di un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, il correntista agisce per far dichiarare la nullità della clausola che prevede la corresponsione di interessi anatocistici e per la ripetizione di quanto pagato indebitamente a questo titolo, il termine di prescrizione decennale cui tale azione di ripetizione è soggetta decorre, qualora i versamenti eseguiti dal correntista in pendenza del rapporto abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, dalla data in cui è stato estinto i1 saldo di chiusura dei conto in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati.

 

(Leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
A Roma la mora non sfora

Particolare interesse giuridico suscita la pronuncia n. 10160/2019 del Tribunale di Roma del 14 mag...

Contratti Bancari

Anatocismo vietato dall’ordinamento? “Not today”

La Corte d’Appello di Torino si esprime sulla questione relativa all'immediata applicabilità dell...

Contratti Bancari

Contratti Bancari

Non c’è pace per i contratti di mutuo: vengono sottoscritti dai mutuatari e poi contestati senza...

Contratti Bancari