Contratti Bancari

Cass., Sez. Un., 2 dicembre 2010, n. 24418

– in Diritto & Giustizia 2010

 

(torna all’articolo)

 

Se, dopo la conclusione di un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, il correntista agisce per far dichiarare la nullità della clausola che prevede la corresponsione di interessi anatocistici e per la ripetizione di quanto pagato indebitamente a questo titolo, il termine di prescrizione decennale cui tale azione di ripetizione è soggetta decorre, qualora i versamenti eseguiti dal correntista in pendenza del rapporto abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, dalla data in cui è stato estinto i1 saldo di chiusura dei conto in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati.

 

(Leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Prelievi in conto corrente: non basta essere cointestatari

La Corte di Cassazione, con ordinanza del 3 settembre scorso, ha stabilito che il cointestatario di ...

Contratti Bancari

Il correntista temerario

Nei giudizi promossi dal correntista, per far valere l’illegittimità di poste passive in conto co...

Contratti Bancari

Prelievi in conto corrente: non basta essere cointestatari

Nel mutuo fondiario, il finanziamento dietro a garanzia ipotecaria ben può essere finalizzato allo ...

Contratti Bancari