Crisi, Restructuring e Utp

Cass., Sez. I, 2 dicembre 2010, n. 24548

– in Diritto e Giustizia 2010, pag. 508

 

(torna all’articolo)

 

Il mancato tempestivo reclamo avverso i rendiconti periodicamente ricevuti non comporta alcuna decadenza per il cliente che intenda agire nei confronti della società di investimento mobiliare per ottenere il risarcimento dei danni derivanti da una non corretta gestione del proprio patrimonio. Infatti, nella fattispecie non sono invocabili gli art. 119 t.u.B. e 1832 c.c. in tema di approvazione tacita degli estratti conto bancari, attesa la differenza di contenuto e di funzione tra quest'ultimo e i rendiconti di gestione.

 

 

(Leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Nell’ambito dell’accordo di composizione della crisi è proponibile una procedura congiunta da p...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Recentemente la Corte di Cassazione ha chiarito la portata dell'art. 2035 c.c., affermando l'impossi...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

La cessione del quinto è opponibile alle procedure concorsuali? Ci sono dei limiti temporali? Può ...

Crisi e procedure concorsuali

X