Crisi e procedure concorsuali

Cass.civ., Sez. I, 18 giugno 2010, n. 14760

– in Il Fallimento, n. 10/10, pag. 1142.

 

(torna all'articolo)

 

La vendita forzata, attuando un trasferimento coattivo che prescinde dalla volontà del debitore proprietario del bene, non è equiparabile alla vendita volontaria, onde deve ritenersi il carattere eccezionale delle norme codicistiche che, per taluni aspetti, quanto alla disciplina, equiparano i due tipi di vendita. Pur non essendo ravvisabile un incontro di consensi, tra l’offerente ed il giudice, produttivo dell’effetto traslativo, essendo l’atto di autonomia privata incompatibile con l’esercizio della funzione giurisdizionale, l’offerta di acquisto del partecipante alla gara costituisce il presupposto negoziale dell’atto giurisdizionale di vendita; con la conseguente applicabilità delle norme del contratto di vendita non incompatibili con la natura dell’espropriazione forzata, quale l’art. 1477 cod. civ.

 

(Leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Almeno 5 anni tra un fallimento e l’altro

Il Tribunale di Mantova, con decreto del 26 settembre scorso, ha dichiarato inammissibile l’istanz...

Crisi e procedure concorsuali

Solutoria o ripristinatoria, rimessa indifferente per la revocatoria!

I presupposti dell’azione revocatoria delle rimesse bancarie vanno individuati nella consistenza e...

Crisi e procedure concorsuali

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Con una sentenza dello scorso 12 ottobre il Tribunale di Milano - Sezione Fallimentare - ha stabilit...

Crisi e procedure concorsuali