Diritti reali e condominio

Cass. 9/05/2011, Sez. II, n. 10153: il disavanzo del bilancio del condominio non è un credito dell’amministratore

(torna all'articolo)

In materia di deliberazioni di assemblea condominiale, l’approvazione del rendiconto ha valore di riconoscimento di debito in relazione alle sole poste passive specificamente indicate. Pertanto, l’approvazione di un rendiconto di cassa che presenti un disavanzo tra uscite ed entrate, non implica che, per via deduttiva, possa ritenersi riconosciuto il fatto che la differenza sia stata versata dall’amministratore utilizzando denaro proprio, ovvero che questi sia comunque creditore del condominio per l’importo corrispondente, atteso che la ricognizione di debito, sebbene possa essere manifestata anche in forma non espressa, richiede pur sempre un atto di volizione su di un oggetto specificamente sottoposto all’esame dell’organo collettivo, chiamato a pronunciarsi su di esso.

(leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Uno dei problemi più ricorrenti in materia di condominio riguarda il diritto d’uso delle aree adi...

Diritti reali e condominio

L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

In caso di infiltrazioni d’acqua derivanti da una parte comune di un edificio condominiale, il dan...

Diritti reali e condominio

Vado a stare da papà

L’individuazione dell’esatto confine tra proprietà limitrofe non può prescindere dall’esame ...

Diritti reali e condominio

X