Crisi e procedure concorsuali

Cass. 22/03/2010, Sez. I, n. 6904: la tutela dei diritti del fallito in caso di opposizione

– in Il Foro Italiano, n. 10/10, pag. 2742

Il controllo demandato al tribunale in sede di omologa del concordato fallimentare, nell'ipotesi di opposizione da parte del fallito tesa ad evitare che l'accordo tra i creditori ed il terzo finisca per espropriarlo dei propri beni in misura sproporzionata rispetto alle obbligazioni contratte, deve essere ispirato ai principi e alle norme che disciplinano il processo di esecuzione forzata nonché agli insegnamenti della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, diretti ad impedire la rottura dell'equilibrio tra interesse generale al pagamento dei creditori del fallimento e interesse del ricorrente al rispetto dei suoi beni nonché alla salvaguardia dei diritti fondamentali dell'individuo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Accordi di ristrutturazione: revocatoria ordinaria si o no?

Il divieto di revoca degli atti disposti nell'ambito di un accordo di ristrutturazione dei debiti e...

Crisi e procedure concorsuali

Natura e finalità del concordato preventivo

In questa dodicesima pillola della rubrica settimanale “La nuova crisi d’impresa su Iusletter....

Crisi e procedure concorsuali

Esdebitazione e amministrazione straordinaria: nessuna incompatibilità

Il Tribunale di Torino, con un provvedimento dello scorso febbraio, ha accolto l’istanza di esdebi...

Crisi e procedure concorsuali