Il decoro architettonico è un bene comune

Se cadi perché sei distratto è solo colpa tua

Protagonista della vicenda è un uomo, il quale, caduto rovinosamente a terra mentre passeggiava con gli amici, citava in giudizio il Comune interessato, al fine di ottenere il risarcimento del danno per le lesioni riportante, in sostanza adducendo la presenza di un tombino mal collocato e non segnalato. Il Tribunale, la Corte d’appello ed infine la Cassazione hanno ritenuto che l’attore avesse torto.

Nel corso del giudizio è stato infatti accertato: “che la strada era illuminata”; “che il tombino in cui lo stesso attore era inciampato aveva solo un leggero avvallamento, non idoneo ad arrecare alcun nocumento e, comunque, era visibile”; “che l’incidente si era in sostanza verificato esclusivamente perché l’attore era distratto a guardare alcune vetrine ed a parlare con alcuni amici, per cui non aveva posto attenzione al marciapiede ed alla strada, mentre la attraversava al di fuori delle vicine strisce pedonali”. Per i Giudici, il capitombolo va dunque addebitato, esclusivamente, alla scarsa attenzione prestata dall’uomo durante la passeggiata. Tutti questi elementi sono più che sufficienti per escludere ogni ipotetica responsabilità del Comune e per respingere la richiesta di risarcimento presentata dall’uomo.

La decisione in commento risulta in linea con i noti principi in tema di responsabilità da cose in custodia costantemente affermati dalla Suprema Corte secondo i quali:
a) il criterio di imputazione della responsabilità fondato sul rapporto di custodia di cui all’art. 2051 c.c. opera in termini rigorosamente oggettivi;
b) il danneggiato ha il solo onere di provare il nesso di causa tra la cosa in custodia (a prescindere dalla sua pericolosità o dalle sue caratteristiche intrinseche) ed il danno, mentre al custode spetta l’onere della prova liberatoria del caso fortuito, inteso come fattore che, in base ai principi della regolarità o adeguatezza causale, esclude il nesso eziologico tra cosa e danno, ed è comprensivo del fatto del terzo e della condotta incauta della vittima;
c) in particolare, il caso fortuito è connotato da imprevedibilità ed inevitabilità, da intendersi da un punto di vista oggettivo e della regolarità causale (o della causalità adeguata), senza alcuna rilevanza della diligenza o meno del custode
d) le modifiche improvvise della struttura della cosa (tra cui ad es. buche, macchie d’olio ecc.) divengono, col trascorrere del tempo dall’accadimento che le ha causate, nuove intrinseche condizioni della cosa, di cui il custode deve rispondere;
e) la deduzione di omissioni, violazione di obblighi di legge, di regole tecniche o di criteri di comune prudenza da parte del custode rileva ai fini della sola fattispecie dell’art. 2043 c.c., salvo che la deduzione non sia diretta soltanto a dimostrare lo stato della cosa e la sua capacità di recare danno, e a sostenere allegazione e prova del rapporto causale tra quella e l’evento dannoso.

Cass., Sez. VI Civile – 3, 10 ottobre 2019, ordinanza n. 25436

Valeria Bano – v.bano@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per un ulteriore approfondimento sulle tematiche trattate nei nostri articoli, ascolta il nostro podcast IusPod – tutto il diritto che conta a questo link.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La responsabilità professionale dell’avvocato ed il confine della causalità

Nella recente pronuncia in commento n. 25778, depositata il 14 ottobre, la Corte di Cassazione affro...

Responsabilità Civile

Cortile comune e disciplina delle distanze

In caso di lesioni derivanti da un sinistro stradale è spesso difficile per il giudice stabilire la...

Responsabilità Civile

Donazione indiretta di immobile: configurabile anche se il donante corrisponde solo parte del prezzo

“L’opposizione all'ingiunzione erroneamente esercitata nella forma dell'atto di citazione anzich...

Responsabilità Civile