Crisi e procedure concorsuali

Bancarotta per distrazione al manager che trasferisce ricchezza da una societa’ all’altra

Cass., 18 luglio 2012, n. 29036

“Risponde del reato di bancarotta per distrazione e non per infedeltà patrimoniale l’amministratore delegato che trasferisce la ricchezza di un’azienda, determinandone il fallimento, a un’altra del gruppo. La dottrina precisa che quando vi sia intersezione delle fattispecie astratte sul piano della condotta tipica (che nella specie è data dall’impoverimento della società concedente), con in più elementi aggiunti dell’una e dell’altra fattispecie, la relazione tra esse è, piuttosto, di interferenza se tra i detti elementi aggiuntivi dell’una e dell’altra fattispecie non vi sia un riscontro per specificazione: quando cioè essi appaiono diversi perché tra essi non intercorre né un rapporto di identità né un rapporto di genere a specie. Con l’aggiunta che tra le due norme in rapporto di interferenza non è configurabile il concorso apparente.”

(leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Un’opportunità di chiarezza circa le differenze intercorrenti tra due istituti giuridici: la revo...

Crisi e procedure concorsuali

Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

Una recente pronuncia del Tribunale di Lecco chiarisce nuovamente le condizioni di ammissibilità al...

Crisi e procedure concorsuali

X