Crisi e procedure concorsuali

Bancarotta per distrazione al manager che trasferisce ricchezza da una societa’ all’altra

Cass., 18 luglio 2012, n. 29036

“Risponde del reato di bancarotta per distrazione e non per infedeltà patrimoniale l’amministratore delegato che trasferisce la ricchezza di un’azienda, determinandone il fallimento, a un’altra del gruppo. La dottrina precisa che quando vi sia intersezione delle fattispecie astratte sul piano della condotta tipica (che nella specie è data dall’impoverimento della società concedente), con in più elementi aggiunti dell’una e dell’altra fattispecie, la relazione tra esse è, piuttosto, di interferenza se tra i detti elementi aggiuntivi dell’una e dell’altra fattispecie non vi sia un riscontro per specificazione: quando cioè essi appaiono diversi perché tra essi non intercorre né un rapporto di identità né un rapporto di genere a specie. Con l’aggiunta che tra le due norme in rapporto di interferenza non è configurabile il concorso apparente.”

(leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

La Corte di Cassazione nella sentenza in commento offre un’interessante analisi per quanto concer...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Con la pronuncia in commento, il Tribunale di Udine, nell’omologare un piano del consumatore, ha ...

Crisi e procedure concorsuali

La proroga del termine annuale ex art. 101 l.f., per particolare difficoltà della procedura, non p...

Crisi e procedure concorsuali

X