Nuove regole per l’accesso alla Centrale Rischi in consultazione

Banca di Italia: cessazione degli elenchi 106 e 107 TUB

Come noto, il 12 maggio 2016 si è concluso il periodo transitorio previsto dall’articolo 10 del D.lgs. n. 141/2010 con la conseguente cessazione della tenuta, da parte della Banca d’Italia, degli Elenchi generale e speciale degli Intermediari finanziari, di cui agli articoli rispettivamente 106 e 107 del TUB nella versione antecedente alla riforma introdotta dal citato Decreto e tutti i soggetti ancora iscritti vengono cancellati d’ufficio.

Con l’”Avviso per il pubblico” pubblicato sul sito di Banca d’Italia in data 12 maggio 2016, l’Autorità di vigilanza ha ribadito nuovamente che a partire da tale data, possono continuare a esercitare l’attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico, delle forme e nelle modalità stabilite dal TUB e dalle relative norme di attuazione (cfr. D.M. n. 53/2015), soltanto gli intermediari che, avendo presentato istanza nei termini previsti per l’iscrizione nel nuovo albo ex art. 106 TUB, hanno già ottenuto la suddetta autorizzazione o hanno un procedimento amministrativo avviato ai sensi della l. n. 241/90 e non ancora concluso.

Con riferimento agli Albi ed Elenchi di Vigilanza pubblicati sul sito di Banca d’Italia, l’Autorità di vigilanza fa presente che, a causa della numerosità degli interventi da effettuare sugli archivi e delle verifiche da svolgere, la funzione di ricerca degli intermediari già iscritti nell’Elenco generale avrebbe potuto fornire informazioni non aggiornate entro, e non oltre, il 16 maggio.

Per conoscere la situazione relativa a un intermediario a suo tempo iscritto negli Elenchi generale o speciale, Banca d’Italia invita a utilizzare la funzione “Ricerca storica”, inserendo la denominazione e/o il numero meccanografico dell’intermediario.

In risposta, il sistema indicherà la cancellazione dall’elenco di provenienza in data 12 maggio 2016 e, a partire dal 13 maggio, solo in pendenza di un procedimento di iscrizione al nuovo albo, l’informazione che l’intermediario può proseguire temporaneamente nell’attività ai sensi dell’art. 10 del d.lgs. n. 141/2010.

Luca Bettinellil.bettinelli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Nuove regole per l’accesso alla Centrale Rischi in consultazione

Banca d’Italia, con provvedimento del 16 febbraio 2021 (il “Provvedimento”), ha emanato il sec...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 29 gennaio, in risposta alle questioni emerse a seguito della pandemia da Covid-19, l’EB...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

In data 20 gennaio 2021, Banca d’Italia ha sottoposto a pubblica consultazione lo schema di Dispos...

Vigilanza

X