Contratti Bancari

Assegno senza provvista e iscrizione in C.A.I.

Tribunale Roma, 23 maggio 2014 (leggi la sentenza per esteso)

Come noto, nel caso in vui venga emesso un assegno bancario, risultato privo di provvista al momento della presentazione per l’incasso, decorso infruttuosamente il termine di 60 giorni dal preavviso di revoca di cui all’art. 9-bis della legge 15 dicembre 1990, n. 386, gli istituti di credito sono tenuti a procedere con l’iscrizione del traente nell’archivio informatizzato degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento istituito presso la Banca d’Italia (c.d. Centrale di Allarme Interbancaria).

Il giudice romano ha, tuttavia, evidenziato che la fattispecie dell’emissione di un assegno in assenza di fondi, ai sensi dell’art. 2, legge n. 386/90, ricorre soltanto allorché il titolo sia presentato all’incasso “in tempo utile”, ovvero entro il termine di otto giorni dall’emissione, se pagabile nello stesso comune in cui risulta emesso, o entro quindici giorni, se pagabile in altro comune.

Da ciò discende che, in caso di presentazione tardiva di un assegno bancario, la segnalazione in C.A.I. è illegittima, anche se il titolo sia privo di fondi.

5 giugno 2014

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Torino, nella pronuncia in commento, ha affrontato un tema recentemente posto all’...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

L’asserita violazione dei dettami di trasparenza riconnessi ad una presunta distorsione dell’Ind...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

“Ai fini della segnalazione a sofferenza la nozione di insolvenza che si ricava dalle Istruzioni e...

Contratti Bancari

X