Contratti Bancari

Assegno privo di valore cartolare

Trib. Roma, 19 novembre 2013 (leggi la sentenza per esteso)
Il Giudice Unico ha ribadito il principio per cui l’assegno bancario, nei rappporti tra traente e prenditore, anche se privo di valore cartolare, deve essere considerato come una promessa di pagamento.

Da ciò discende, ai sensi dell’art. 1988 c.c., una presunzione iuris tantum dell’esistenza del rapporto sottostante, fino a che l’emittente non fornisca la prova dell’inesistenza, invalidità ed estinzione del medesimo; la prova può desumersi da qualsiasi elemento ritualmente acquisito al processo, da chiunque fornito.

4 dicembre 2013

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

I giudici di merito mostrano di aver tenuto prontamente in considerazione quanto recentemente statui...

Contratti Bancari

Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

“La concorrenza va tutelata nei confronti del cliente e non già nei confronti del fideiussore, ch...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Il Tribunale di Caltanissetta nei giorni scorsi ha rigettato un ricorso ex art 700 c.p.c. promosso d...

Contratti Bancari

X