Contratti Bancari

Assegno pagato prima della scadenza: protesto legittimo

Cass., 10 ottobre 2013

Ai sensi dell’art. 35 Legge Assegni, un assegno bancario non può essere pagato dopo che sia trascorso il relativo termine di presentazione: ciò al duplice fine di tutelare, da un lato, il prenditore che ha diritto alla conservazione della provvista sino alla scadenza del citato termine e, dall’altro lato, il traente che può tornare a disporre della provvista dopo la predetta scadenza.

Di contro, la banca è libera di pagare l’assegno anche prima della decorrenza del termine di presentazione e, in caso di rifiuto, incorre in responsabilità.

Tuttavia, qualora il traente, dopo aver emesso il titolo, ordini all’istituto di credito di non pagare prima della scadenza del termine di presentazione, si assume il rischio del protesto nel caso in cui il prenditore presenti all’incasso l’assegno. Infatti, secondo la Suprema Corte, il cliente deve rispondere degli ordini da lui stesso impartiti, ai quali la banca è tenuta ad attenersi in qualità di mandataria.

14 novembre 2013

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

L’obbligazione di consegna di copia dei contratti di conto corrente, ex art. 119 Tub, si estingue ...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il ricorrente si era visto negare un finanziamento necessario all’acquisto di un immobile per via ...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La spedizione per posta ordinaria di un assegno, ancorché munito di clausola di intrasferibilità, ...

Contratti Bancari

X