In arrivo le disposizioni integrative di recepimento della MiFID II

In arrivo le disposizioni integrative di recepimento della MiFID II

Nella fine di maggio di quest’anno, il Ministero dell’Economia e delle Finanze (“MEF”) ha emanato in pubblica consultazione il documento recante “Disposizioni integrative e correttive al d. lgs. n. 58/1998 (TUF)”, al fine di adottare le disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. 3 agosto 2017, n. 129, attuativo della Direttiva (UE) 15 maggio 2014, n. 65 (c.d. “MiFID II”).

In particolare, con il D.Lgs. 3 agosto 2017, n. 129, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 agosto 2017, n. 198 ed entrato in vigore il 28 agosto 2017, è stato previsto l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni della MiFID II e del Regolamento (UE) n. 648/2012 (c.d. “MiFIR”).

Come noto, il D.lgs 129/2017 contiene prevalentemente modifiche al D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (conosciuto più semplicemente come “Testo Unico della Finanza” o “TUF”) applicabili dal 3 gennaio 2018, come previsto dalla MiFID II e dal Regolamento chiamato “MiFIR”.

In tale contesto, è opportuno segnalare che l’Italia, come Paese membro dell’Unione europea, si è dotata, con la Legge 24 dicembre 2012, n. 234, di norme generali sulla partecipazione alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea.

Nello specifico, l’art. 31, comma 5, della citata Legge 234/2012 prevede che entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore dei decreti legislativi di recepimento delle normative europee, nel rispetto dei principi e criteri direttivi fissati dalla legge di delegazione europea, il Governo può adottare, con la medesima procedura, disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi emanati.

Pertanto, considerato che il termine di 24 mesi previsto dalla Legge 234/2012 scade a fine agosto 2019, essendo il D.Lgs. 129/2017 entrato in vigore in data 28 agosto 2017, e che a seguito dell’applicazione delle norme contenute nel citato D.Lgs. 129/2017 le Autorità di vigilanza hanno segnalato a questo al MEF la presenza di alcune criticità che possono essere positivamente risolte con un decreto integrativo e correttivo, si è provveduto a censire le disposizioni del TUF che necessitano di modifica e a predisporre, in collaborazione con le Autorità medesime, l’unita tabella nella quale sono riportate le proposte di modifica del TUF, una norma di coordinamento nel D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209 (noto, più semplicemente, come “Codice delle Assicurazioni Private” o “CAP”), alcune disposizioni transitorie e le relative motivazioni.

I soggetti interessati potranno commentare e il testo posto in consultazione, chiedendo dei chiarimenti al MEF e suggerendo alcune proposte di modifica. Tali commenti dovranno pervenire entro e non oltre il 14 giugno 2019.

Le osservazioni devono essere inviate ai seguenti indirizzi e-mail:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Requisiti prudenziali per le banche: dall’Europa nuove regole

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 7 giugno scorso sono stati pubblicati due provved...

Direttive Comunitarie

Aggiornamento dell’analisi nazionale dei rischi di riciclaggio

È entrato in vigore lo scorso 28 marzo il D.Lgs. n. 19 del 13 febbraio 2019 (il “Decreto”) di a...

Direttive Comunitarie

In arrivo le disposizioni integrative di recepimento della MiFID II

Banca d’Italia ha posto a pubblica consultazione alcune modifiche alle disposizioni in materia di ...

Direttive Comunitarie