Persone e Famiglia

Arricchimento senza causa nei rapporti familiari di fatto

Cass., Sez. III, 22 settembre 2015, n. 18632 (leggi la sentenza)

La Cassazione civile, Sez. III,  con sentenza del 22-09-2015, n. 18632 ha ribadito il principio per cui l’azione generale di arricchimento ha come presupposto la locupletazione di un soggetto a danno dell’altro che sia avvenuta senza giusta causa, sicchè non è dato invocare la mancanza o l’ingiustizia della causa qualora l’arricchimento sia conseguenza di un contratto, di un impoverimento remunerato, di un atto di liberalità o dell’adempimento di un’obbligazione naturale.

Nei rapporti di convivenza tale principio comporta che è possibile configurare l’ingiustizia dell’arricchimento da parte di un convivente “more uxorio” nei confronti dell’altro in presenza di prestazioni, a vantaggio del primo, esulanti dal mero adempimento delle obbligazioni nascenti dal rapporto di convivenza – il cui contenuto va parametrato sulle condizioni sociali e patrimoniali dei componenti della famiglia di fatto – e travalicanti i limiti di proporzionalità e di adeguatezza.

29 settembre 2015 

Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

“La presunzione di possesso utile ad usucapionem, di cui all’art. 1142 c.c., non opera quando la...

Persone e Famiglia

La Suprema Corte ha avuto modo di pronunciarsi di recente su un aspetto importante di una più ampia...

Persone e Famiglia

L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

La Cassazione è tornata ad occuparsi dell’annosa e sempre complicata questione della debenza da ...

Persone e Famiglia

X