Vigilanza

Anticorruzione ─ Nuove norme sull’esercizio del potere sanzionatorio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (di seguito ANAC) ha pubblicato il Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio della stessa Autorità per l’omessa adozione di Piani triennali di prevenzione della corruzione, dei Programmi triennali di trasparenza, dei Codici di comportamento. Il Regolamento è stato emanato ai sensi dell’articolo 19, comma 5, del Decreto Legge 24 giugno 2014 n. 90, convertito in Legge, con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, della Legge 11 agosto 2014 n. 114, secondo cui, salvo che il fatto costituisca reato, l’ANAC applica una sanzione amministrativa non inferiore nel minimo ad Euro 1000 e non superiore nel massimo ad Euro 10.000, nel caso in cui il soggetto ometta l’adozione del Piano triennale di prevenzione della corruzione, del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità o dei Codici di comportamento.

Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si applicano i principi e le disposizioni della Legge 24 novembre 1981 n. 689.

1 ottobre 2014

(Ornella Carleo – o.carleo@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Nuove regole per l’accesso alla Centrale Rischi in consultazione

Banca d’Italia, con provvedimento del 16 febbraio 2021 (il “Provvedimento”), ha emanato il sec...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 29 gennaio, in risposta alle questioni emerse a seguito della pandemia da Covid-19, l’EB...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

In data 20 gennaio 2021, Banca d’Italia ha sottoposto a pubblica consultazione lo schema di Dispos...

Vigilanza

X