La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Annullamento della vendita per dolo e manleva della società mutuante

Il Tribunale di Lecco ha emesso una interessante sentenza in tema di prestito finalizzato, statuendo che in caso di annullamento del contratto di vendita per dolo la società mutuante ha diritto di essere manlevata dal venditore.

Nel caso in esame, un consumatore agiva in giudizio per ottenere l’annullamento per dolo di alcuni contratti di vendita, assumendo di essere stato vittima di raggiri da parte del venditore, che aveva violato gli obblighi di buona fede e di informazione fissati dalla legge. Il Giudice, nel decidere la controversia, ha ravvisato i presupposti di cui all’art. 1439 c.c. poiché il venditore, in maniera scorretta, aveva consegnato al consumatore una copia del contratto incompleta, motivo per cui il consumatore non si era determinato in maniera consapevole (e genuina) in merito alla stipula del contratto.

Per effetto dell’annullamento, il Tribunale ha dato applicazione alla disciplina del c.d. collegamento negoziale tra vendita e finanziamento, secondo cui la caducazione della vendita travolge anche il contratto di finanziamento, essendo tali negozi interdipendenti l’uno dall’altro.

La sentenza, oltre a statuire gli effetti restitutori tipici dell’annullamento del contratto, ha altresì accolto la domanda di manleva avanzata dalla società mutuante, condannando il venditore a manlevare la società mutuante dal pregiudizio patito, sulla scorta della seguente motivazione: “la condanna risarcitoria si giustifica per il fatto che l’annullamento per dolo è imputabile esclusivamente ad […] e che la società mutuante non avrebbe potuto avere contezza in alcun modo del vizio, anche tenendo conto del fatto che l copia del contratto consegnatole era completa in ogni sua parte a differenza di quella consegnata alla consumatrice”.

Pertanto, la sentenza in commento chiarisce che l’annullamento del contratto di vendita a causa del comportamento scorretto del venditore costituisce titolo per la società mutuante per essere manlevata da ogni effetto pregiudizievole che sia conseguenza dell’annullamento.

Tribunale di Lecco, 10 ottobre 2019, n. 563

Carlo Giambalvo Zilli – c.zilli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per un ulteriore approfondimento sulle tematiche trattate nei nostri articoli, ascolta il nostro podcast IusPod – tutto il diritto che conta a questo link.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il contratto di finanziamento risponde alle esigenze causali del contratto di mutuo, pertanto, ai fi...

Credito Al Consumo

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

Il Tribunale di Roma ha emesso una interessante decisione nell’ambito di un contenzioso tra societ...

Credito Al Consumo

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Il Tribunale di Tivoli si è recentemente espresso in tema di usura aderendo alla linea giurispruden...

Credito Al Consumo

X