Contratti Bancari

Ancora sulla commissione di massimo scoperto

Tribunale Chieti, 25 ottobre 2013  (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in oggetto conferma l’orientamento assunto negli ultimi tempi dalla giurisprudenza, secondo il quale la commissione di massimo scoperto, in particolare ove espressamente convenuta tra le parti, deve ritenersi legittima.

Il Tribunale ha ribadito che la c.m.s., seppure determini un incremento del tasso di interesse praticato, non è priva di causa, poiché costituisce corrispettivo per l’utilizzo da parte del cliente di importi superiorti al credito a suo disposizione.

Infatti “l’obbligazione del cliente di corrispondere alla banca un ulteriore compenso, per l’apertura di credito, oltre alla misura degli interessi pattuiti, può essere considerata sorretta da causa lecita, in quanto, appunto, remunerazione correlata all’obbligo, a carico della banca, di tenere sempre a disposizione del cliente il massimo importo affidato, o in quanto correlata al rischio crescente che la banca assume, in proporzione all’ammontare dell’utilizzo concreto di detto credito da parte del cliente“.

3 dicembre 2013

(Simona Daminelli -s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

“In ordine alla dedotta incompletezza della documentazione fideiussoria sottoscritta, l’importo ...

Contratti Bancari

La cessionaria di crediti in massa assolve il proprio onere probatorio producendo in giudizio l’av...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

L’invito alla lettura cade in questo numero sulla sentenza del Tribunale di Torino del 31.12.2020,...

Contratti Bancari

X