La mediazione è obbligatoria anche per il fideiussore?

Ancora sul termine della mediazione

Il Tribunale di Parma è recentemente tornato ad affrontare la dibattuta questione della natura del termine di 15 giorni concesso in corso di causa dal Giudice, al fine di introdurre il procedimento di mediazione.

Secondo il giudice parmense tale termine è da considerarsi perentorio, con la conseguenza che, in caso di tardivo deposito della domanda di mediazione, il giudizio deve essere dichiarato improcedibile.

Sul punto, così si legge infatti in sentenza “qualora detto termine non venga rispettato, si ritiene che, alla luce della funzione che in concreto esso adempie, la sanzione dell’improcedibilità del giudizio sia conseguenza inevitabile (v. Cass. n.1064/2005; 4530/2004). Infatti, benché la norma non attribuisca espressamente natura perentoria al termine in oggetto, tale natura va desunta implicitamente, considerata la severità della sanzione espressamente prevista in ipotesi di mancato esperimento della mediazione”.

Prosegue poi il Giudice evidenziando che, pertanto, è condivisibile quanto osservato dalla giurisprudenza di merito, secondo la quale “Apparirebbe assai strano che il legislatore, da un lato, abbia previsto la sanzione dell’improcedibilità per mancato esperimento della mediazione, prevedendo altresì che la stessa debba essere attivata nel termine di 15 giorni e dall’altro abbia voluto negare ogni rilevanza al mancato rispetto del suddetto termine (v. Tribunale Firenze, sez. III, 9.6.2015; nel medesimo senso Tribunale Ivrea, 11.3.2016 n. 215; Tribunale Monza, sez. I, 21.1.2016, n. 156).

In ogni caso, il giudice di Parma perviene alla stessa conclusione anche considerando il termine come ordinatorio. Infatti, i termini ordinatori possono essere prorogati ai sensi dell’art. 154 c.p.c. soltanto a fronte di espressa richiesta e prima della loro scadenza; ne consegue che il loro decorso senza la presentazione di una istanza di proroga impedisce la concessione di un nuovo termine.

Considerando che nel caso di specie il termine assegnato per la mediazione non era stato rispettato e non risultava essere stata formulata istanza di proroga prima della scadenza, il Tribunale ha dunque dichiarato improcedibile il giudizio.

Trib. Parma, 9 febbraio 2021, n. 199

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La mediazione è obbligatoria anche per il fideiussore?

Con la sentenza delle Sezioni Unite del 18 settembre 2020 il contrasto giurisprudenziale relativo a...

Mediazione bancaria

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

L’onere di attivare la mediazione compete all’opposto, con la conseguenza che dalla pronuncia di...

Mediazione bancaria

La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

Nell’ambito di una causa avente ad oggetto il rilascio di un immobile concesso in leasing, parte c...

Mediazione bancaria

X