Vigilanza

Albo 106 TUB. Pubblicati il Regolamento attuativo del MEF e le Disposizioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari

Dopo una lunga attesa l’Albo Unico degli intermediari finanziari che prestano nei confronti del pubblico il servizio di concessione di finanziamenti sta finalmente diventando realtà.

E’ stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 105 del 8 maggio 2015) il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze del 2 aprile 2015, n. 53 recante norme in materia di intermediari finanziari in attuazione degli articoli 106, comma 3, 112, comma 3, e 114 del TUB nonché dell’articolo 7-ter, comma 1-bis, della legge 30 aprile 1999, n. 130.

Tale decreto:

a)      definisce il perimetro (i) dell’attività di concessione di finanziamento sotto qualsiasi forma, di pubblico e esercizio professionale

b)      determina i criteri al ricorrere dei quali i confidi devono richiedere l’iscrizione all’Albo 106 TUB;

c)       detta le condizioni per l’esercizio di attività finanziaria da parte dei soggetti esteri.

Il decreto entra in vigore a partire dal 23 maggio 2015.

A partire da tale data, sono contestualmente abrogate le seguenti disposizioni: l’articolo 3 e l’articolo 2, primo comma e secondo comma, secondo periodo del decreto ministeriale 9 novembre 2007, recante i criteri di iscrizione dei confidi nell’elenco speciale previsto dall’articolo 107, comma 1, TUB; il decreto ministeriale 17 febbraio 2009, n. 29 recante disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, commi 4 e 5 del TUB.

Il 12 maggio 2015 Banca d’Italia ha pubblicato sul proprio sito internet la Circolare n. 288 del 3 aprile 2015, recante le Disposizioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari.

Dette Disposizioni entrano in vigore il 60 giorno successivo alla pubblicazione sul sito dell’Autorità di vigilanza.

Pertanto, a partire da tale momento inizieranno a decorrere i termini entro cui gli intermediari finanziari attualmente iscritti agli albi di cui agli art. 106 e 107 TUB dovranno presentare la domanda per l’iscrizione all’Albo Unico.

In seguito verranno forniti maggiori dettagli relativamente al contenuto delle rispettive disposizioni.

13 maggio 2015

Sabrina Galmarini – s.galmarini@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

A decorrere dal 1° gennaio 2021 è entrata in vigore la nuova definizione di default contenuta nell...

Vigilanza

Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Le proposte di regolamento, discusse nella memoria del 11 gennaio 2021, hanno ad oggetto le operazio...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 31 dicembre 2020, con lo scadere del periodo di transizione previsto dall’Accordo sulla ...

Vigilanza

X