Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Adeguamento alla delibera CICR del 2000: è sufficiente la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

In tema di contenzioso bancario, ed in particolare di anatocismo, la pronuncia della Corte d’Appello di Milano rappresenta un importante precedente.

La sentenza n. 3012 del 8/06/2016 ha regolato una fattispecie in materia, tra l’altro, di anatocismo bancario, relativa ad un contratto di c/c acceso anteriormente alla nota Delibera CICR del 9.02.2000 e rispetto al quale la banca era chiamata a fornire la prova dell’avvenuto adeguamento al principio della pari periodicità della capitalizzazione.

Persiste, come è altresì noto, contrasto giurisprudenziale in merito all’oggetto di tale prova secondo che si interpretino i commi 2 e 3 dell’art. 7 della citata Delibera in senso più o meno restrittivo in rapporto all’espressione peggioramento delle condizioni precedentemente applicate.

L’istituto di credito, tipicamente, ha sostenuto nel frangente che fosse sufficiente sotto tale profilo la produzione della Gazzetta Ufficiale del periodo recante la pubblicazione delle nuove condizioni negoziali nonché la mera comunicazione al correntista portata dall’estratto conto del trimestre di riferimento, negando che fosse necessaria la pattuizione con il cliente o il consenso specifico di questi, reso in forma scritta.

Ebbene, la corte territoriale ha accolto la tesi della banca così stabilendo: “L’appellata ha provato di essersi uniformata alle previsioni della delibera CICR, attraverso la pubblicazione delle nuove condizioni negoziali sulla Gazzetta Ufficiale del 13.6.2000 n. 136 (v. doc. 6 fascicolo appellata primo grado) e mediante comunicazione al cliente attraverso gli estratti conto inviati periodicamente; per converso I’appellante non ha neppure allegato che le nuove condizioni contrattuali fossero peggiorative rispetto alle precedenti, sicché le censure svolte appaiono generiche e infondate”.

L’appello è stato respinto con condanna alla refusione delle spese in favore della banca.

Sarà interessante verificare se la pronuncia avrà riflessi sulla giurisprudenza di merito dei tribunali del Distretto, non tutti allineati sul punto, nonostante l’orientamento assunto sia, per certo, maggiormente rispettoso del menzionato art. 7.

Giorgio Zurrug.zurru@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

La  Cassazione con una pronuncia depositata il 18 agosto 2020 ed emessa in tema di “non applicab...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Finalmente lo scorso venerdì è stata pubblicata la tanto attesa decisione delle Sezioni Unite in m...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

Il Tribunale di Nola torna a far chiarezza sul dibattuto tema relativo all’onere probatorio nel gi...

Contratti Bancari

X