Diritto dell'Esecuzione Forzata

Accesso del creditore alle banche dati

Tribunale di Pavia, 25 febbraio 2015 (leggi l’ordinanza)

Viene segnalato ai lettori di Iusletter un nuovo provvedimento assunto dalla giurisprudenza di merito, in relazione al disposto di cui all’art. 492 bis c.p.c.

Come noto, tale nuova norma consente al creditore, previa autorizzazione del Presidente del Tribunale, di ricercare con modalità telematiche i beni da pignorare in capo al debitore, per il tramite degli ufficiali giudiziari. Il Ministero della Giustizia, tuttavia, deve ancora stabilire le modalità concrete di esercizio della facoltà di accesso, nonché le modalità di trattamento e conservazione dei dati e le cautele a tutela della riservatezza dei debitori.

In attesa delle disposizioni di attuazione, i giudici stanno assumendo posizioni differenti, con riguardo alle modalità da adottare per garantire l’applicazione della nuova disciplina.

Il Tribunale di Pavia, con l’ordinanza in commento, ha ritenuto che – allo stato – gli ufficiali giudiziari non possano effettuare alcuna ricerca e che l’art. 155 quinquies disp. att. c.p.c. consenta al creditore di ottenere direttamente dai gestori delle banche dati le informazioni necessarie. Per tale ragione, il Giudice ha rilasciato un’autorizzazione diretta in favore della banca istante, precisando che:

– la norma non richiede un previo tentativo di pignoramento;

– la norma, laddove parla di creditore procedente, non deve quindi essere letta come creditore che ha già proceduto, bensì come creditore che intende procedere in via esecutiva;

– è sufficiente la verifica presidenziale della sussistenza di un titolo esecutivo;

– solo dopo l’emanazione dei regolamenti attuativi, la richiesta andrà rivolta all’ufficiale giudiziario, previa notifica del titolo e del precetto, e l’intervento del Presidente del Tribunale sarà necessario esclusivamente in caso di mancanza di accessibilità alle banche dati.

14 aprile 2015

Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Il Tribunale di Udine si è pronunciato sull’inopponibilità al creditore pignorante della trascr...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Attento a come quereli, il falso va provato!

Con una recente ordinanza, la Suprema Corte ha chiarito quali possano essere le conseguenze derivant...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

“La sospensione dei termini di cui all’art. 83 d.l. 18 del 2020 non incide direttamente sulle ...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X