Contratti Bancari

Accesso a documenti contenenti dati bancari e obbligo della banca di fornire le informazioni

Con il provvedimento n. 43 del 31.01.2013 il Garante per la protezione dei dati personali ha ribadito la distinzione tra la richiesta ai sensi dell’art. 119 T.U.B. relativa ai documenti bancari, i quali possono riguardare anche soggetti diversi dal richiedente, e la richiesta, ai sensi degli artt. 7 e 8 del D.Lg. n.1296/2003, riguardante i dati personali riferiti all’interessato e contenuti sempre in documenti bancari.

Nel primo caso sarà necessario il pagamento delle copie mentre nel secondo le informazioni saranno fornite gratuitamente dalla Banca.

Inoltre, con riferimento alla domanda formulata ai sensi del Codice della Privacy, l’art. 7 di tale legge obbliga espressamente la banca a fornire riscontro alle richieste di accesso avanzate dagli interessati con riferimento ai dati personali che li riguardano.

In questa ipotesi, poi, il Garante specifica che non sarà necessaria la motivazione della propria istanza: pertanto, sono ammissibili anche le richieste necessarie ad agire per la tutela di diritti patrimoniali.

(Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Secondo una recente ordinanza del Tribunale di Monza, relativa ad un procedimento d’urgenza seguit...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Sono molte le questioni affrontate dalla sentenza in commento, resa dal Tribunale di Pistoia all’e...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La centralità di un corredo probatorio, volto a dimostrare la fondatezza delle pretese giudizialmen...

Contratti Bancari

X