L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Abusi edilizi, la patata bollente “passa” all’acquirente

L’aggiudicatario di un immobile acquistato nell’ambito di un’asta giudiziaria, all’esito di una procedura esecutiva immobiliare, rimane soggetto alle sanzioni edilizie che derivano da eventuali abusi precedentemente commessi dal debitore esecutato.

La questione giuridica trae origine da una sentenza con la quale il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria ha rigettato il ricorso ex art. 60 cod. proc. amm. proposto da una società, aggiudicataria di un immobile all’asta, nei confronti di un Comune calabrese, al fine di ottenere l’annullamento, previa sospensiva, dell’ordinanza di demolizione di opere abusive di cui la ricorrente aveva ricevuto notifica.

Con il ricorso introduttivo la società ricorrente ha eccepito, in particolare, di non essere la diretta responsabile dell’abuso edilizio contestato dal Comune convenuto, avendo acquistato l’immobile all’asta, al termine di una procedura esecutiva, nel medesimo stato di fatto e di diritto in cui l’immobile versava.

Il T.A.R. per la Calabria, investito della questione, ha rigettato il ricorso, ritenendolo manifestamente infondato.

Nel merito, il Tribunale amministrativo ha sostenuto che nel nostro ordinamento giuridico non è rinvenibile una norma che attribuisca all’acquisto avvenuto nell’ambito di un’asta giudiziaria efficacia sanante degli eventuali illeciti edilizi precedentemente realizzati.

Inoltre, il c.d. effetto purgativo, in virtù del quale un bene acquistato all’asta diviene libero da diritti, pesi e limitazioni legali eventualmente gravanti su di esso, non è un effetto estensibile anche alle irregolarità urbanistiche.

Resta salva, tuttavia, la possibilità per l’acquirente-aggiudicatario di attivare la procedura sanatoria entro il termine di 120 giorni dal decreto di trasferimento dell’immobile, purché il credito, da cui ha avuto origine la procedura espropriativa, sia anteriore alla data di entrata in vigore della legge sul condono n. 47/1985.

T.A.R. Calabria – Catanzaro, Sez. II, 25 giugno 2019, n. 1305

Simona Morreale – s.morreale@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

“Le spese per l'iscrizione della ipoteca giudiziaria non possono essere legittimamente liquidate n...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

Una recente Ordinanza emessa dalla VI Sezione Civile della Corte di Cassazione ha sancito il princip...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Cari lettori, all’indomani della pubblicazione del DL 137/202, c.d. Decreto Ristori, non possia...

Coronavirus

X