L'indennità di occupazione è percepita dal Custode giudiziario

Condominio: beni di proprietà comune e beni di proprietà esclusiva

In assenza di specifico atto pubblico di trasferimento, costitutivo del condominio, per comprendere se un bene dello stabile abbia natura condominiale o appartenga, al contrario, ad un singolo condomino, non è sufficiente un mero atto di destinazione unilaterale del singolo ma occorre aver riguardo all’oggettiva, chiara e trasparente destinazione dello stesso, alla luce dei connotati strutturali del bene o alla particolare collocazione del medesimo.

Questo, riassumendo, quanto affermato dalla Suprema Corte nella recente ordinanza 22 giugno 2016, n. 12980.

Tale principio – precisa la Corte richiamandosi al proprio costante e consolidato orientamento – nasce indiscutibilmente dalla necessità di contemperare le esigenze e le ragioni di proprietà dei singoli condomini con il “permanere stabile” ed inequivocabile della struttura condominiale, specie in tutti i casi in cui un condominio origini dallo smembramento di una singola, precedente, proprietà individuale.

In applicazione di tale principio, quindi, per quanto non possa disconoscersi all’unico originario proprietario la facoltà di destinare singole frazioni o parti di esso a uso esclusivi e specifici, perché tale volontà unilaterale possa imporsi agli eventuali acquirenti delle porzioni dello stabile (id est: ai futuri condomini) è necessario che “l’elisione del nesso pertinenziale tra res principale e res secondaria, laddove non esplicitato nell’atto pubblico di trasferimento, emerga comunque chiaramente sul piano oggettivo”.

Cass. Civ., sez. VI, 22 giugno 2016, ordinanza n. 12980 (leggi l’ordinanza)

28 giugno 2016

Benedetta Minottib.minotti@lascalaw.com

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Nel processo esecutivo, laddove non si intende contestare il quantum del decreto di liquidazione ma...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

In una recente sentenza ottenuta dallo Studio, il Tribunale di Catania in composizione collegiale s...

Diritto Processuale Civile

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Il principio di continenza deve operare, retroagendo gli effetti della pendenza della controversia ...

Diritto Processuale Civile

X