Contenzioso finanziario

Bond e risarcimento della banca

Cass., 19 ottobre 2012, Sez. I, n. 18039

Massima: “Deve ritenersi motivata in modo incongruo la sentenza di merito che, nella lite che vede contrapposti l’intermediario finanziario e il risparmiatore che lamenta danni per l’investimento in cosiddetti “titoli-spazzatura”, si limita ad affermare che manchi la prova della negligenza ovvero dell’inadempimento dell’intermediario, dovendosi invece accertare che sussista effettivamente la prova positiva della sua diligenza e dell’adempimento delle obbligazioni poste a suo carico. In mancanza il giudice deve infatti condannare al risarcimento degli eventuali danni causati al risparmiatore.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario