Contratti Bancari

Inammissibile la class action per contestare le clausole illegittime inserite dalla banca ai contratti di conto corrente

Cass., 12 giugno 2012, Sez. I, n. 9772

Massima: “Inammissibile la class action per contestare le clausole illegittime inserite dalla banca ai contratti di conto corrente. Infatti l’azione collettiva può essere avviata solo in relazione a un effettivo pregiudizio sofferto dal cliente.” (leggi la sentenza per esteso)

La Suprema Corte, con sentenza depositata il 14 giugno 2012, n. 9772 ha dichiarato inammissibile la class action proposta dal Codacons contro una banca, volta a far accertare la nullità di clausole inserite nei contratti di conto corrente e considerate illegittime. I giudici di legittimità, infatti, hanno ritenuto che l’azione di classe, disciplinata dall’art. 140 bis del Codice del Consumo, può essere impiegata solo per far valere un pregiudizio subito ed ottenere il conseguente risarcimento, ma non al fine di semplicemente contestare il diritto dell’istituto di credito di modificare le condizioni economiche.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Gravità e non transitorietà in C.R., due facce della stessa medaglia

Con ricorso ex art. 700 c.p.c., una società, cliente di un istituto di credito assistito dallo Stud...

Contratti Bancari

I  presupposti della segnalazione in CR

Lo Studio, all'esito di un procedimento ex art. 700 c.p.c., ha ottenuto un provvedimento favorevole ...

Contratti Bancari

Fideiussione omnibus, nullità parziale e onere della prova

Con sentenza n. 9354 del 3 maggio 2019, il Tribunale di Roma sembra superare quell'impostazione giur...

Contratti Bancari