Diritto Processuale Civile

Notifica di un atto all’avvocato: il domicilio professionale va verificato all’albo degli avvocati

Cass., 5 luglio 2012, Sez. VI, n. 11294

Massima: “L’indicazione del domicilio professionale o della sede dell’ufficio del procuratore, in quanto essenziale alla validità e all’astratta efficacia della richiesta di notifica, costituisce adempimento preliminare che non può non essere posto a carico del notificante, il quale peraltro è in grado di assolverlo agevolmente attraverso un semplice accesso all’albo professionale; che a tale onere corrisponde l’assunzione, da parte del notificante, del rischio dell’esito negativo della notifica richiesta in un domicilio diverso da quello effettivo; che alla fase del perfezionamento della notifica per il destinatario (con conseguente necessità di reperire nell’ordinamento strumenti idonei a consentire al notificante di superare gli ostacoli frappostisi, non per sua colpa, all’esercizio del diritto di impugnazione), attengono le sole ipotesi in cui la notifica presso il procuratore non abbia raggiunto il suo scopo per caso fortuito o forza maggiore, quale, ad esempio, la mancata o intempestiva comunicazione del mutamento del domicilio all’ordine professionale; il ritardo della sua annotazione; la morte del procuratore; che infine anche in queste ipotesi, ai fini della riattivazione del procedimento di notificazione, nonostante il superamento dei relativi termini perentori e decadenziali, è necessaria la proposizione di un’istanza al giudice ad quem di fissazione di un termine perentorio per il completamento della notifica; che siffatta istanza, per il rispetto dovuto alle dinamiche processuali, va depositata insieme all’atto contenente l’attestazione della mancata notifica, nel termine stabilito per la costituzione della parte, in caso di regolare instaurazione del contraddittorio.” (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in commento ha affermato il principio in forza del quale l’indicazione del domicilio professionale del procuratore in quanto essenziale alla validità ed astratta efficacia della richiesta di notifica rappresenta adempimento preliminare a carico del notificante, il quale può adempiere a tale onere mediante un semplice accesso all’albo professionale.

In assenza di  tale onere il notificante si assume il rischio dell’esito negativo della notifica richiesta in un domicilio diverso da quello effettivo.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

“La procura alle liti conferisce al difensore il potere di proporre tutte le domande che non ecce...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

Nella giornata di martedì scorso il Senato ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando l'emenda...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

I fatti di cui all’ordinanza di rimessione in commento si inseriscono nel panorama del riparto de...

Diritto Processuale Civile

X