Crisi e procedure concorsuali

L’ipoteca iscritta dal fisco non e’ soggetta a revocatoria fallimentare

Cass., 5 marzo 2012, Sez. I, n. 3398

Massima: “L’iscrizione ipotecaria effettuata dall’agente della riscossione non è assimilabile alle ipotesi di ipoteca legale o giudiziale, risiedendo sulla formalità dell’impulso di parte e su un provvedimento di natura amministrativa. Pertanto non è suscettibile di applicazione l’art. 67 L.F. in materia di revocazione delle ipoteche giudiziali e volontarie ed il credito fatto valere dall’agente della riscossione deve essere insinuato con collocazione di rango ipotecario.” (leggi la sentenza per esteso)

Recentemente la Cassazione Civile, con la sentenza n.3398 del 5 marzo 2012, ha stabilito che l’ipoteca iscritta dal fisco non è riconducibile ad alcun tipo di ipoteca tra quelle regolamentate dal codice civile, e che, pertanto, può essere definita come genere a sé, in grado di resistere innanzi alla revocatoria fallimentare.

Nel motivare la propria decisione, la Corte rammenta che il codice civile contempla tre tipologie di ipoteca: legale (art. 2817), giudiziale (art. 2818), volontaria (art. 2821). Nella fattispecie esclude subito la ricorrenza di quella volontaria poiché presuppone l’adesione del debitore. In merito all’ipoteca di tipo legale, la Corte rammenta che si configura per l’alienante sopra gli immobili alienati per l’adempimento degli obblighi che derivano dall’atto di vendita, a favore dei coeredi, dei soci e degli altri condividenti per il pagamento dei conguagli sugli immobili assegnati ai condividenti obbligati, per lo Stato sui beni dell’imputato e della persona civilmente responsabile. In merito a quella giudiziale, ogni provvedimento di condanna al pagamento di una somma, ovvero all’adempimento di diversa obbligazione, ovvero al risarcimento danni da liquidarsi, rappresenta titolo per iscrivere ipoteca.

Per la Cassazione quella fiscale non rientra in nessuna delle tipologie richiamate, rappresentando un genere a parte di ipoteca.

La pronuncia in esame, evidenzia che l’articolo 67 della legge fallimentare statuisce la revocabilità delle ipoteche volontarie e giudiziali, escludendo pertanto l’ipoteca fiscale tra quelle oggetto di revocatoria.

(Laura Martone – l.martone@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Il Tribunale di Roma è tornato sul tema della prescrizione dei crediti ammessi a procedure concorsu...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Un’opportunità di chiarezza circa le differenze intercorrenti tra due istituti giuridici: la revo...

Crisi e procedure concorsuali

X