Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Si aprono nuovi scenari: una riforma dei Modelli organizzativi 231

I Modelli organizzativi previsti e disciplinati dal D.Lgs. 231/2001 acquisiscono un’importanza sempre maggiore: lo dimostra l’attenzione rivolta al tema da parte del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (“CNDCEC”) che, congiuntamente al Consiglio Nazionale Forense (“CNF”), all’Associazione Bancaria Italiana (“ABI”) e a Confindustria, ha fatto emergere la necessità di un intervento di riforma in materia, nel documento pubblicato lo scorso gennaio dal titolo “Principi consolidati per la redazione dei modelli organizzativi e l’attività dell’organismo di vigilanza e prospettive di revisione del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231”.

Il documento in questione, infatti, fornisce spunti importanti circa:

  • – la definizione di principi da seguire per la predisposizione dei Modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001  (i “Modelli”) da parte delle imprese,
  • – l’individuazione di norme di comportamento dei componenti degli Organismi di Vigilanza;
  • – l’elaborazione di alcune proposte di modifiche normative in relazione alle maggiori criticità emerse.

Per quanto concerne in particolare l’elaborazione dei Modelli, detta elementi metodologici, principi generali e principi specifici con riferimento alle procedure e ai meccanismi di prevenzione, nonché norme per un’efficace attuazione del Modello.

Il CNDCEC insiste sui profili inerenti l’effettiva applicazione delle misure di prevenzione; la formazione e diffusione del Modello stesso; l’effettività dell’attività di vigilanza; la continuità, il monitoraggio e l’aggiornamento costante; la centralità di un adeguato sistema disciplinare; l’adozione del Codice Etico, quale strumento di prevenzione.

In tema di Organismo di Vigilanza, il documento tratta diverse tematiche:

  • – i requisiti soggettivi, tra i quali l’indipendenza, autonomia, professionalità onorabilità;
  • – i requisiti operativi, gli strumenti e gli output dell’attività di vigilanza;
  • – la composizione ottimale e l’inquadramento organizzativo dell’organismo;
  • – l’interazione con altri organi dell’ente e i flussi informativi;
  • – le funzioni e i profili di responsabilità.

I riflettori sono puntati anche sulla nuova normativa in tema di whistleblowing, di cui alla L. 179/2017, che ha modificato il D.Lgs. 231/2001, inserendo all’art. 6 i nuovi commi 2-bis, 2-ter e 2-quater. Al riguardo, si segnala che la casella di posta elettronica semplice non è ritenuta idonea a tutelare la riservatezza sull’identità del segnalante e che, pertanto, gli enti dovrebbero dotarsi di strumenti più avanzati per l’invio delle segnalazioni.

Infine, in un’ottica prospettica il CNDCEC, il CNF, l’ABI e Confindustria, nel deliberare gli obiettivi normativi e regolamentari, fanno emergere l’opportunità di attivare un processo di riforma del D.Lgs. 231/2001, che determini un migliore bilanciamento tra le esigenze penal-preventive e quelle di tutela della libertà di iniziativa economica, attraverso dei correttivi volti, tra le altre cose, a riaffidare alle imprese il ruolo proattivo nella prevenzione, a prevedere misure di semplificazione a beneficio delle PMI, ad assicurare alle imprese adeguate garanzie processuali e a favorire la diffusione dei Modelli organizzativi valorizzando la logica della premialità.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Nuove regole per l’accesso alla Centrale Rischi in consultazione

Banca d’Italia, con provvedimento del 16 febbraio 2021 (il “Provvedimento”), ha emanato il sec...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 29 gennaio, in risposta alle questioni emerse a seguito della pandemia da Covid-19, l’EB...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

In data 20 gennaio 2021, Banca d’Italia ha sottoposto a pubblica consultazione lo schema di Dispos...

Vigilanza

X