L’autorizzazione alla fusione nonostante opposizione dei creditori

Fusione di due fondazioni bancarie: tassa di registro proporzionale e ipocatastale fissa

Con la risoluzione n. 2 dell’11 gennaio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti circa il regime di tassazione applicabile a un atto di fusione per incorporazione di due fondazioni bancarie, non qualificabili come Onlus.

In caso di incorporazione tra due enti non commerciali, l’Agenzia delle Entrate chiarisce il corretto trattamento tributario da applicare ai fini delle imposte di registro, ipotecaria e catastale e la modalità di determinazione, a tal fine, della base imponibile.

L’atto di fusione tra due enti non commerciali sconta l’imposta di registro nella misura proporzionale del 3% e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro ciascuna.

L’Agenzia delle Entrate precisa che se tra i beni della incorporata sono presenti immobili, ai fini della determinazione della base imponibile dell’imposta di registro occorre fare riferimento al loro valore venale in comune commercio.

I trasferimenti di beni in seguito ad atti di fusione non sono soggetti a Iva (articolo 2, comma 3, lettera f, Dpr 633/1972); pertanto, in base al principio di alternatività Iva/Registro (articolo 40, Dpr 131/1986), devono essere assoggettati all’imposta di registro:
nella misura proporzionale del 3% (articolo 9 della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986), quando la fusione avviene – come nel caso prospettato – tra enti non commerciali;
– in misura fissa (articolo 4, comma 1, lettera b, della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 131/1986), quando l’operazione di fusione è posta in essere tra società o enti aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale o agricola.
Tale interpretazione è stata confermata anche dall’orientamento della Corte di Cassazione (in tal senso la sentenza 4763/2009).
Per determinare la base imponibile, occorre far riferimento al valore, determinato alla data della stipula dell’atto di fusione, dei beni e dei diritti, compresi i beni immobili, assunti al netto delle passività, iscritti nel patrimonio della fondazione incorporata, dal momento che, nel caso di fusione per incorporazione, l’incorporante assume i diritti e gli obblighi in capo all’incorporata alla data di efficacia della fusione (articolo 2504-bis del codice civile).
Nel caso specifico, poiché tra i beni della incorporata c’è un immobile, occorre far riferimento al valore commerciale in comune commercio (articolo 51, comma 2, del Dpr 131/1986).

Infine, per quanto riguarda le imposte ipotecaria e catastale, si applicano l’articolo 4 della Tariffa allegata al Dlgs 347/1990 e l’articolo 10, comma 2, dello stesso “Testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale”, in base ai quali “gli atti di fusione o di scissione di società di qualunque tipo” sono soggetti a imposta nella misura fissa di 200 euro.

Risoluzione n. 2 del 11 gennaio 2019 – Agenzia delle Entrate

Tiziana Allievi – t.allievi@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La revocatoria dell’atto di scissione è inammissibile

Il Tribunale di Palermo nella sentenza in esame ha sancito che la violazione degli obblighi gravanti...

Corporate

Simul stabunt simul cadent: recenti pronunce

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno sancito che il rapporto tra sezioni ordinarie e sezioni spec...

Corporate

Simul stabunt simul cadent: recenti pronunce

Gli effetti della clausola statutaria simul stabunt simul cadent sono stati chiariti da tempo dal Co...

Corporate