04.07.2022 Icon

Al via il codice della crisi

Cari Lettori,

è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 152 di venerdì 1° luglio 2022 il D.Lgs. 17 giugno 2022, n. 83 con modifiche al codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Per effetto dell’art. 42 D.L. 30 aprile 2022, n. 36, il testo normativo di cui sopra entrerà in vigore il 15 luglio 2022, ossia due giorni prima del termine per il recepimento della c.d. Direttiva Insolvency, a seguito della proroga richiesta dall’Italia (e invero da altri Paesi europei) atteso che la Direttiva avrebbe dovuto essere recepita a luglio 2021.

Dopo quasi 5 anni dalla legge delega 19 ottobre 2017, n. 155 l’ordinamento concorsuale italiano vede ora il tramonto della legge fallimentare.

Dal prossimo mercoledì riprenderemo la pubblicazione delle nostre Pillole per condividere con Voi, in ogni puntata,  le novità più rilevanti sia con riguardo alle procedure già esistenti e per le quali si è assistito solo ad una modifica terminologica (banalmente dal fallimento alla liquidazione giudiziale) sia con riguardo alle procedure più nuove (per es. la composizione negoziata entrata in vigore già lo scorso mese di novembre) sia, infine, con riguardo alle sensibili modifiche apportate ad alcune “procedure” inizialmente delineate nel 2019 ed ora più o meno abbandonate (le procure di allerta e il procedimento davanti all’OCRI) .

Sin d’ora si ritiene utile circoscrivere l’ambito temporale di applicazione della nuova normativa precisando che l’entrata in vigore di alcune delle principali novità di cui al CCII è stata anticipata in virtù della L. n. 176/2020 (legge di conversione del c.d. Decreto Ristori) e del D.L. n. 118/2021, convertito in L. n. 147/2021. Quest’ultimo in particolare, come detto sopra, ha introdotto ex novo l’istituto della composizione negoziata della crisi nonché il concordato semplificato, le cui discipline vengono trasfuse con qualche modifica nel CCII.

Si ricorda ancora che la L. n. 233/2021 di conversione del D.L. n. 152/2021, recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, in particolare a mezzo degli artt. 30-ter, 30- quater, 30-quinquies e 30-sexies, ha introdotto alcune novità in tema di composizione negoziata, gli obblighi di segnalazioni dei creditori pubblici qualificati e la c.d. moratoria digitale.

Sotto il profilo temporale la nuova disciplina troverà applicazione, ex art. 390 CCII, con riferimento a quei procedimenti incardinati (ad esempio, con l’istanza prefallimentare o con la domanda di accesso alla procedura da sovraindebitamento, come meglio dettagliato infra) successivamente all’entrata in vigore del CCII.

Conseguentemente, per un lasso di tempo più o meno lungo la legge fallimentare nonché la L. n. 3/2012 in tema di sovraindebitamento, sebbene abrogate, continueranno a trovare applicazione nel nostro ordinamento.

All’orizzonte si profila, dunque, un sistema “a doppio binario” come segue:

Regio decreto n. 267/1942 (Legge fallimentare) e L. n. 3/2012DISCIPLINA APPLICABILE

– procedimenti introdotti prima del 15 luglio 2022;

– procedimenti pendenti prima del 15 luglio 2022;

– fallimenti (ed altre procedure) aperti a seguito della definizione di istanze depositate prima del 15 luglio 2022.

Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza

– procedimenti incardinati successivamente al 15 luglio 2022.

Per diversi anni avremo questo doppio binario che non sarà solo terminologico (banalmente occorrerà utilizzare correttamente, anche nei gestionali, i termini di fallimento o liquidazione giudiziale) ma anche “sostanziale” (con riguardo, per esempio, al calcolo dei termini entro il quale potrà essere depositata una domanda di ammissione al passivo tardiva o ultratardiva).

Vi aspetto, quindi, mercoledì prossimo allorchè affronteremo, primo fra tutti, il tema della composizione negoziata per vedere se, e in che modo, il legislatore è intervenuto rispetto a una normativa, tutto sommato, già nuovissima.

A presto,

Luciana Cipolla

Luciana Cipolla – l.cipolla@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA