Spese di manutenzione straordinaria? Paga chi era condomino al momento dell’approvazione dei lavori

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 15547/2017 del 22.6.2017, ha statuito che è responsabile della corresponsione delle spese condominiali la persona che era proprietaria al momento dell’approvazione delle stesse, non rilevando la circostanza che questa abbia venduto la propria abitazione prima dell’assemblea di ripartizione delle suddette spese.

Nel caso in esame un condomino proponeva ricorso in Cassazione avverso la sentenza della Corte d’Appello che lo aveva visto soccombere nei confronti del condominio.

Con il predetto ricorso, l’ex condomino eccepiva, infatti, la propria carenza di legittimazione passiva in relazione al pagamento delle spese condominiali, in quanto lo stesso aveva venduto l’immobile prima della delibera dell’assemblea con la quale era stato deliberato il riparto delle spese di manutenzione straordinaria e, pertanto, lo stesso non poteva essere ritenuto responsabile per il pagamento pro quota delle suddette spese.

La Corte di Cassazione con l’ordinanza in commento, invece, rigetta integralmente il ricorso e conferma la sentenza della Corte d’Appello.

Secondo la Suprema Corte, infatti, a rendere obbligato il condomino al pagamento delle spese era il fatto di avere avuto la qualifica di condomino al momento dell’assemblea di approvazione dei lavori, dovendo considerarsi la successiva assemblea di ripartizione delle spese non il momento costitutivo dell’obbligazione, ma solo il momento di precisazione del quantum della stessa.

Cass., Sez. VI, 22 giugno 2017, ordinanza n. 15547

Sara Severoni – s.severoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il rimborso delle spese per la conservazione e la manutenzione delle parti comuni da parte di un con...

Diritti reali e condominio

Con l’ordinanza n. 20288 del 23.8.2017, la Corte di Cassazione ha chiarito se l’azione di accert...

Diritti reali e condominio

Nella recentissima ordinanza n. 17400/17 depositata il 13.07.2017, la Cassazione ha avuto modo di ri...

Diritti reali e condominio