Il risarcimento per perdita di chanche spetta anche alla casalinga

In tema di danni alla persona, una riconosciuta invalidità permanente, tale da non consentire al danneggiato di svolgere un’attività lavorativa anche diversa da quella svolta al momento del sinistro e ad ogni modo confacente alle proprie attitudini e condizioni personali ed ambientali, non lede il modo di essere del soggetto (c.d. danno biologico), bensì provoca “un danno patrimoniale attuale in proiezione futura da perdita di chance”.

La Cassazione, con l’ordinanza n. 26850/17, specifica che, tale danno deriva dalla “riduzione della capacità lavorativa generica”, il cui accertamento spetta al giudice di merito in base a valutazione necessariamente equitativa ex art. 1226 cod. civ.

Nell’ipotesi in cui l’invalidità permanente sia di gravità tale da rendere altamente probabile la menomazione della capacità lavorativa specifica ed il conseguente danno, il giudice potrà procedere ad accertare in via presuntiva la suddetta perdita patrimoniale, liquidandola sulla base di criteri equitativi.

Tale accertamento presuntivo deve svolgersi in ordine alla “riduzione della perdita di guadagno nella sua proiezione futura, imposto dall’entità dei postumi, anche in termini di perdita di chance

Nel caso di specie, la circostanza che la vittima non svolgesse al momento del sinistro alcuna attività lavorativa non autorizzava l’esclusione di un danno futuro, dovendo il giudice, invece, svolgere una complessa valutazione di tipo prognostico sulla ragionevole probabilità che in futuro la vittima percepirà un reddito inferiore a quello che avrebbe altrimenti conseguito in mancanza dell’infortunio.

Cass., Sez. VI – 3 Civ., 14 novembre 2017, n. 26850

Serena Cefola – s.cefola@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n. 24720/18, depositata l’8 ottobre, ha ribadito c...

Responsabilita' Civile

Con ordinanza del 3 ottobre 2018 la Corte di Cassazione ha affrontato nuovamente la questione della ...

Responsabilita' Civile

La seconda sezione della Cassazione, con la sentenza n. 22728 del 25.09.2018, si è espressa circa l...

Responsabilita' Civile